Ultimo aggiornamento  20 maggio 2019 07:04

Audi e-tron, app car.

Monica Secondino ·

Audi ha scelto di aprire i preordini della e-tron, la sua prima auto 100% elettrica, in concomitanza dell’e-Prix di Roma. Non è un caso perché sono diversi gli elementi che accomunano la nuova proposta tedesca alla Formula E. Prima di tutto naturalmente la “spina”. La Casa di Ingolstadt non ha ancora rilasciato tutte le caratteristiche tecniche, ma sappiamo che la capacità della batteria sarà superiore a quella della Jaguar I-Pace e caratterizzata dalla ricarica ultra rapida a 150 chilowattora, in grado di ripristinare l’80% di autonomia in meno di 30 minuti.

3.000 euro di prenotazione

In termini di dimensioni la e-tron sarà un suv che si collocherà tra l’Audi Q5 e la Q7, capace di ospitare cinque persone. Sconosciute ancora le prestazioni, si sa che la trazione quattro, per la prima volta sarà integralmente a gestione elettronica. Inoltre, proprio come gli spettatori della Formula E possono utilizzare le app dei social network per aiutare con il fan boost il proprio pilota preferito, così il possesso e l’utilizzo della e-tron è molto legato a internet e alle app: l'auto può essere preordinata online e, dopo aver versato 3.000 euro, i clienti riceveranno un voucher di prenotazione per una dei primi 200 esemplari, disponibili in Italia entro la fine dell’anno.

MyAudi in esclusiva

Finora 6.000 persone nel mondo l’hanno già preordinata: 3.700 solo in Norvegia. Ma, la più grande novità è il fatto che la e-tron sarà la prima vettura Audi con funzionalità che possono essere acquistate e sbloccate a richiesta, esclusivamente utilizzando l’app myAudi. L’auto “nasce” praticamente full optional, ma i clienti possono scegliere e decidere quali servizi acquistare anche successivamente e per un periodo di tempo rinnovabile.

Per il mercato italiano, ad esempio, saranno acquistabili via app le funzionalità relative all’illuminazione, quindi i fari Matrix Led potranno essere attivati in un secondo momento; così anche la radio digitale, i sistemi di assistenza al parcheggio (dai sensori alle telecamere) e i sistemi di assistenza alla guida, come l’ACC. Quindi, se per il periodo estivo, avete bisogno di fare lunghi viaggi in auto potreste acquistare l’ultimo pacchetto solo per tre mesi.

Tutte le elettriche di Audi

La e-tron non rimarrà l’unica Audi ad avere questo tipo di opportunità perché myAudi verrà presto esteso anche ad altri modelli. A proposito di questi ultimi, sono già state programmate le future versioni della e-tron: nel 2019 arriverà la Sportback e nel 2020 la GT. La e-tron si inserisce nel piano di elettrificazione della gamma Audi che prevede, entro il 2020, tre modelli a zero emissioni e nel 2025 un veicolo Audi su tre sarà elettrico. Come per la Formula E l’attenzione a tutto quello che è sostenibile è fondamentale, anche la e-tron verrà prodotta nello stabilimento di Bruxelles, dove oggi viene costruita la A1, impianto all’avanguardia, certificato carbon neutral.

Si parte da 80mila euro

Quello che invece è diverso rispetto alla Formula E è il costo. Il biglietto per assistere all’e-prix romano non era senz’altro caro e gli spettatori hanno assistito ad uno spettacolo divertente e coinvolgente, grazie anche ai numerosi sorpassi, rotture e incidenti che hanno tenuto tutti col fiato sospeso. Per comprare la e-tron ci vorranno invece ben 80.000 euro, questo il prezzo in Germania. Del resto Audi colloca il suo SUV elettrico nel segmento “Tesla”, naturalmente puntando a volumi di vendita non inferiori a quelli registrati dal Suv di Elon Musk

Tag

Audi  · e tron  · My Audi  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Il marchio di lusso tedesco presenta la sua hypercar elettrica, realizzata appositamente per il concorso d’eleganza californiano. In pista per battere la Tesla?

· di Alessandro Marchetti Tricamo

Derivato dalla Q7, il nuovo suv coupé del marchio tedesco è diverso nelle forme e dimensioni. Al debutto anche la nuova calandra. Arriverà a luglio

· di Carlo Cimini

Il suv è la prima elettrica del marchio tedesco ad arrivare sul mercato. Si comincia in Norvegia, Austria, Svizzera e Belgio. Entro il 2020 altri 2 modelli a batteria