Ultimo aggiornamento  26 giugno 2019 22:39

Via Müller, Volkswagen pensa a un nuovo Ceo.

Redazione ·

Nuova scossa di terremoto ai vertici del gruppo Volkswagen. In una nota, la società di Wolfsburg ha fatto sapere che al prossimo consiglio di amministrazione di venerdì 13 aprile il presidente e amministratore delegato Matthias Müller potrebbe lasciare la sua posizione nell'ambito di un rimescolamento di top manager. Una decisione non sarebbe stata ancora presa ma lui stesso, secondo la nota, ha dato la sua disponibilità.

Il quotidiano economico tedesco Handelsblatt dà per certo l'addio di Müller e scrive che al suo posto andrà Herbert Diess, attualmente numero uno del marchio Volkswagen dall'1 luglio 2015, dopo un passato in Bosch e Bmw.

In cima dal settembre 2015

Matthias Müller è diventato presidente del gruppo nel settembre 2015, promosso da capo della Porsche a numero uno al posto di Martin Winterkorn, travolto dallo scandalo del dieselgate. Scandalo i cui effetti non sembrano ancora finiti del tutto e di cui la preannunciata fine di Müller come presidente potrebbe essere forse un altro effetto collaterale. A lui si deve comunque in questi due anni e mezzo la tenuta della barca ben sopra la linea di galleggiamento, il rilancio in grande stile con un bilancio record e l'avvio del cambio di stagione per l'intero gruppo sui binari certi dell'elettrificazione.

Tag

Dieselgate  · Herbert Diess  · Volkswagen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

Il costruttore tedesco ha immatricolato nei primi tre mesi dell'anno 1.525.300 vetture, incrementando i numeri in tutti i mercati compresa l'Italia

· di Alessandro Marchetti Tricamo

Il gruppo tedesco ha presentato a Berlino i risultati finanziari del 2017. Il dieselgate finora è costato 25,8 miliardi ma la cassaforte di Wolfsburg resta ricca

· di Stefano Antonetti

È l'investimento del gruppo tedesco nelle tecnologie del futuro. Elettrificazione in prima fila. Otto modelli a batteria in rampa di lancio annunciati a Ginevra.