Ultimo aggiornamento  14 ottobre 2019 21:34

Tesla, inizio 2018 tra luci e ombre.

Redazione ·

Tesla cresce anche se non riesce a raggiungere gli obiettivi prefissati. Il primo trimestre del 2018 risulta essere il più produttivo nella storia della Casa californiana che ha sfornato 34.494 vetture da gennaio, il 40% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno passato. Di queste, 24.728 sono Model S e Model X e 9.766 Model 3.

In particolare quest'ultimo modello - la low cost destinata al grande pubblico - è quello su cui si appunta di più l'attenzione degli osservatori. Tesla aveva fissato di realizzarne nel corso di questo trimestre 5.000 alla settimana, un target che ora è stato spostato temporalmente in avanti, alla fine del secondo trimestre 2018. Nel corso dell'ultima settimana, comunque, le Model 3 uscite dalla Gigafactory sono state 2.020, mentre le previsioni per l'immediato futuro parlano di una produzione stabilizzata intorno alle 2.000 unità ogni sette giorni. Anche gli altri due modelli dovrebbero attestarsi sulle circa 2.000 unità a settimana ciascuno. 

Conti ok

La compagnia in una sua nota ha sottolineato come ci siano voluti cinque anni per raggiungere questi volumi di produzione per le Model S e X, mentre per la Model 3 sono bastati soltanto 9 mesi.

Tesla sottolinea anche come le previsioni siano "estremamente conservative" e che "le consegne non devono essere prese come indicatore per i risultati finanziari". Secondo la stessa Casa costruttrice, comunque, all'orizzonte non dovrebbero esserci né aumenti di capitale né un incremento della situazione debitoria.

Tag

Gigafactory  · Model 3  · Tesla  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

il ceo di Tesla assume personalmente l'incarico di controllare 24 ore al giorno la produzione della Model 3. Intanto, dopo il suo "pesce d'aprile", le azioni calano del 5%