Ultimo aggiornamento  22 luglio 2019 22:38

Usa, una campagna per l'elettrica.

Paolo Borgognone ·

Alleanza tra 7 stati nel nord est degli Usa (Massachussets, Connecticut, New Hampshire, New Jersey, New York, Rhode Island e Vermont) e 16 tra i più importanti costruttori di auto del mondo (da General Motors a Volkswagen fino a Toyota e Jaguar Land Rover, ma ci sono anche Fca, Volvo, Cadillac, Nissan Kia, Mercedes) per promuovere presso il pubblico americano l'acquisto di vetture elettriche.

"Drive Change. Drive Electric"

Il gruppo ha creato una campagna pubblicitaria intitolata "Drive Change. Drive Electric" che si concentra sui benefici della guida a batteria e vuole far conoscere al pubblico i vantaggi rappresentati dalla svolta elettrica in termini di minori emissioni ma anche di vantaggi concreti come le riduzioni fiscali e il risparmio a livello economico.

Un grande sforzo

A questo scopo è stato creato anche un sito internet, www.drivelectricus.com che, attraverso cinque storie animate, spiega i vantaggi per il consumatore della transizione ai motori a batteria. Sul sito è possibile anche studiare quale auto elettrica fra quelle sul mercato si adatti meglio al proprio stile di vita e si possono vedere i principali modelli reperibili oggi presso i concessionari. 

Le vendite di auto elettriche negli Usa sono cresciute del 25% nel 2017, ma rappresentano ancora soltanto l'1,2% del totale. Secondo una stima di Reuters, il mondo dell'automotive nel suo complesso investirà nei prossimi anni una cifra superiore ai 90 miliardi di dollari per finanziare lo sviluppo della mobilità elettrica.

Tag

Auto Elettrica  · Auto Usa  · Stati Uniti  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Un automobilista Usa su 5 pronto ad acquistare un modello a batterie che deve essere affidabile, sicuro e al prezzo giusto. Il marchio? Non conta

· di Redazione

Meno 7% in luglio, primo declino dei volumi dalla crisi del 2008. Previsioni 2017 ora sotto i 17 milioni. Perdono tutti tranne Toyota e Subaru

· di Paolo Borgognone

Il Minnesota potrebbe aggiungersi ad altri dieci stati che già tassano le macchine a batteria. I ricavi destinati alla manutenzione delle strade