Ultimo aggiornamento  18 dicembre 2018 15:43

Bmw M5: berlina e supercar.

Monica Secondino ·

VALLELUNGA - “Quest’auto copre tutta la tavolozza di colori di quello che può fare un’auto: prestazioni, comfort, sicurezza. Serenità è quello che garantisce.” Queste le parole di Alex Zanardi per descrivere la nuova Bmw M5, in occasione della sua presentazione a Vallelunga. Certo è difficile pensare che un’auto con un motore V8 biturbo da 4,4 litri che eroga 600 cavalli e 750 Newtonmetri di coppia motrice possa dare "serenità". Invece, dopo averla provata tra i cordoli della pista, la sensazione che ci si porta a casa è proprio la stessa dipinta dal grande campione del volante.

La più potente di sempre

Dal 2010 al 2017 sono state vendute 80.000 Bmw M e M Performance, l’anno scorso in Italia è stato registrato l’anno record di vendite: 769 esemplari, grazie anche al lancio della M2. Quest’anno è il turno della M5 che è la più potente di sempre, con un’accelerazione da 0 a 100 in 3,4 secondi e una velocità massima che, con l’M Driver’s Package, arriva a 305 chilometri all'ora.

I due turbo compressori aggiornati garantiscono il 28% in più di reattività rispetto al modello precedente, con il picco di coppia massima costante tra i 1.800 e i 5.600 giri/min. Numeri che rendono l’idea di una forza e di una potenza instancabile. 

Trazione integrale disinseribile

Rispetto al V10 aspirato della E60 il sound è diverso, più discreto, e non c’è neanche il tasto power che regalava altri 107 cavalli a quel motore che, di base, ne erogava “solo” 400. Ma nella F90, questo il nome in codice della nuova M5, c’è un altro “tasto”, completamente inedito, mai visto prima su una M: quello della trazione integrale xDrive, che può essere disattivata lasciando tutti i 600 cavalli solo sul posteriore. Quando si accende, la macchina sarà sempre in modalità 4WD con tutti i controlli inseriti ma basterà modificare i settaggi sul display touchscreen per passare alla versione 4WD Sport e poi arrivare a quella più “ardita” con trazione tutta dietro e controllo di trazione disinserito.

Nonostante la trazione integrale la macchina pesa 15 chilogrammi in meno rispetto al modello precedente, anche grazie al tetto completamente in carbonio. L’auto, una volta preso il ritmo nelle curve del circuito, sembra danzare tra i cordoli e, in tutte e cinque le diverse modalità, non si ha mai la sensazione di perderla. 

Sterzo e cambio ok

Il cambio automatico ZF 8 rapporti  con convertitore di coppia è ottimo e non fa rimpiangere il doppia frizione, che già sembrava insuperabile. Lo sterzo è diretto e asseconda i cambi di traiettoria in modo chirurgico. I freni M Carbon Ceramic costano circa 9.000 euro in più rispetto a quelli di serie ma durano anche il quadruplo e sono maggiormente potenti. Naturalmente tutto ha un prezzo e la nuova M5 parte da 122.000 euro.

Tag

BMW  · M5  · Trazione Integrale  · Zanardi  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

La Casa tedesa presenta al salone di Parigi una versione super della berlina ad alte prestazioni con un V8 da 625 cavalli e uno zero-cento in 3,3 secondi

· di Paolo Odinzoff

La Casa tedesca presenta la versione più estrema della sua coupé. Ha 410 cavalli, raggiunge i 250 orari e scatta da 0 a 100 in 4,2 secondi

· di Monica Secondino

È sulla sicurezza stradale, testimonial Alex Zanardi in collaborazione con la polizia di Stato. Sono in aumento incidenti per distrazione da cellulare

· di Giulia Paganoni

Prestazioni, tiratura limitata e listino a sei cifre, la nuova berlina super sportiva della Casa tedesca è pronta per la pista senza però disdegnare la città