Ultimo aggiornamento  14 novembre 2019 14:39

Sharing mobility, è boom in Italia.

Marina Fanara ·

Cresce a ritmi sostenuti l'Italia della mobilità condivisa: tra car, bike e scooter sharing, carpooling e i cosiddetti aggregatori (tipo app, piattaforme e taxi privati) l'offerta, nel periodo 2015-2017, è aumentata complessivamente del 50%, con un tasso del 17% annuo. Tradotto, significa che, oggi, 18,1 milioni di italiani, il 28% della popolazione totale, può usare almeno una formula di mobilità in sharing. Sono questi alcuni risultati del Rapporto nazionale realizzato dall'Osservatorio sulla sharing mobility.

"Grandi margini di crescita"

"Sono sempre di più le città che attivano almeno una formula di sharing e quelle che lo faranno nel prossimo futuro", ha detto Raimondo Orsini, direttore Fondazione sviluppo sostenibile, uno dei principali partner dell'Osservatorio. "Non a caso, quasi il il 90% dei progetti dei Comuni che si sono aggiudicati i fondi del governo per la mobilità sostenibile comprendono il lancio di servizi in sharing. E ci sono ancora enormi margini di crescita".

2017 anno record

Per quanto riguarda il car sharing, il 2017 è stato l'anno record durante il quale è stato superato il milione di iscritti. Oggi le auto condivise sono in tutto 7.679 per un totale di 35 città servite in Italia. La crescita è anche qualitativa, essendo aumentata l'offerta di veicoli a zero emissioni, scooter compresi: +3,5% in tre anni, da 620 unità del 2015 ai 2.200 del 2017.

Bike sharing mon amour

Un'altra formula vincente che si sta imponendo nelle realtà urbane della penisola è il bike sharing: un exploit nell'ultimo anno che ha segnato +147%, grazie soprattutto al debutto della modalità free floating (presa e consegna del mezzo anche al di fuori dei parcheggi dedicati) offerta dai grandi operatori del settore (del calibro di Mobike, Ofo e oBike) che dall'anno scorso, hanno avviato il servizio prima a Firenze, poi a Milano, Roma, Torino e Bologna, solo per citare alcune importanti metropoli italiane. Oggi, considerando entrambe le modalità (a postazione fissa o a flusso libero), le città servite toccano quota 265 con un totale di 39.500 bici condivise.

Tag

Bike Sharing  · Car Sharing  · Sharing mobility  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Secondo l'Istat, la macchina di proprietà resta il mezzo più utilizzato dai pendolari. Ma la mobilità condivisa e gli spostamenti a piedi sono in aumento

· di Marina Fanara

Ci sono diverse forme di mobilità condivisa, ognuna con la sua definizione: dal car sharing, al ride hailing, al peer to peer. Talvolta si confondono tra loro. Chiariamoci le idee

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Il numero dei veicoli elettrici in condivisione in Italia è cresciuto di 3,5 volte negli ultimi tre anni. Oggi rappresentano il 24% del totale

· di Marina Fanara

Per il Libro Bianco dell'azienda di car sharing, ci sono almeno 5 motivi che dimostrano il ruolo dell'auto condivisa a batteria per la mobilità sostenibile in città

· di Marina Fanara

In Italia, primavera di novità per l'auto condivisa di Daimler: servizi allargati e presto il passaggio all'elettrico. L'accordo con DriveNow di Bmw aiuterà i conti

· di Redazione

Europ Assistance e GetMyCar lanciano la polizza per il car sharing peer to peer: il noleggio di un veicolo quando non è utilizzato dal suo proprietario

· di Marina Fanara

Circa 150 le città servite, oltre 30.000 i mezzi disponibili: è boom di bici condivisa, soprattutto al Nord, Milano e Torino in testa. L'avanzata del free floating