Ultimo aggiornamento  22 marzo 2019 19:09

Alfa Romeo 6C, in prima linea.

Massimo Tiberi ·

Una vera e propria saga quella delle Alfa Romeo 6C (cioè sei cilindri) che, a partire dal 1925 e fino al secondo dopoguerra, accompagnerà la narrazione di tutte le più importanti competizioni a livello nazionale e internazionale, comprese tante edizioni della Coppa Milano-Sanremo.

Capostipiti le varianti, vestite da carrozzerie prestigiose come Touring e Zagato, equipaggiate con il motore sei cilindri in linea 1500 progettato da Vittorio Jano, inizialmente monoalbero e poi declinato nelle evoluzioni bialbero anche sovralimentate. 

Nella mani di Nuvolari

Dal 1929 la cilindrata sale a 1750 per prestazioni in crescendo entusiasmante, valorizzate da piloti straordinari: uno su tutti, Tazio Nuvolari. Canto del cigno le 6C 2500, uscite di scena nel 1950, quando arriva la nuova 1900, prima Alfa realizzata in gran serie e, a sua volta, protagonista in campo agonistico.

Curiosa la storia della versione 2500 che nel 1939, su richiesta dell'allora ministero della Guerra, diede vita alla Alfa Romeo 6C 2500 Coloniale: destinata agli spostamenti degli alti vertici militari, ne vennero realizzati anche 44 esemplari da destinare all'esercito tedesco. 

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Il Biscione presenta al Salone svizzero il nuovo suv compatto ibrido plug in. Design all'avanguardia e powertrain attento alle emissioni

· di Marco Perugini

L’8 febbraio a Parigi si apre l’asta di Sotheby’s con 77 auto, per un valore di 27 milioni di euro. Ne servono 5 per la monoposto del Mantovano Volante

· di Francesco Paternò

L’auto a Cuba nel giorno dei 90 anni del Lìder Maximo. Fra macchine made in Detroit e una 1750 del Biscione sbarcata sull'isola nel 1970