Ultimo aggiornamento  24 aprile 2019 11:50

Emilia Romagna, incentivi per le ibride.

Redazione ·

Chi abita in Emilia Romagna e compra un'auto ibrida, per tre anni riceverà un contributo pari a 191 euro: praticamente tutto l'importo del bollo se si acquista un modello di piccola o media potenza (tipo una Toyota Yaris). Si tratta di un incentivo finanziato dalla Regione per i cittadini residenti che, quest'anno, scelgono un'auto elettrificata di nuova immatricolazione

191 euro per tre anni

L'agevolazione verrà concessa anche nel 2019 e nel 2020 e potranno richiederla anche gli oltre 7.000 automobilisti che hanno comprato un'ibrida nel 2017. L'Amministrazione spiega che i 191 euro non verranno detratti in automatico al momento del versamento dell'imposta di possesso: gli interessati dovranno comunque pagare il bollo per intero, poi riceveranno la cifra dovuta direttamente in banca.

Richieste via internet

Per questo è stata attivata una procedura ad hoc tramite un portale regionale (pronto nelle prossime settimane): i cittadini dovranno registrarsi inserendo i propri dati anagrafici e del nuovo veicolo e le coordinate bancarie. Per gli acquisti effettuati dall'inizio di quest'anno, sarà possibile richiedere online l'incentivo a partire dal prossimo mese di aprile. Chi, invece, ha comprato la vettura nel 2017 potrà inoltrare la domanda da luglio.

Boom di ibride

Tra il 2015 e il 2016, in Emilia Romagna, il totale dei veicoli ibridi di nuova immatricolazione è più che raddoppiato (da 2.776 a 4.369, con un incremento del 57%) mentre, nel 2017, è salito del 61% rispetto all'anno precedente per complessivi 7.056 esemplari. 

L'Amministrazione, infine, ricorda che chi sceglie un'elettrica pura ha diritto all'esenzione totale del bollo per 5 anni (si tratta di una norma nazionale). Nel frattempo, cresce il numero delle colonnine: presto entreranno in funzione 30 nuove stazioni di ricarica che si aggiungono alle 150 già attive sul territorio.

Tag

Auto Elettrica  · Bollo Auto  · Emilia Romagna  · Ibrida  · Incentivi  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Il piano della Regione ha fissato fino al 2025: diminuire l'uso dell'auto privata, portare più persone e merci sui treni, razionalizzare le infrastrutture