Ultimo aggiornamento  27 maggio 2019 01:56

Turismo in Italia a impatto zero.

Redazione ·

"Non esiste turismo sostenibile senza mobilità sostenibile". Lo ha detto Dario Franceschini, ministro Beni culturali e Turismo nel presentare il protocollo d'intesa siglato tra il dicastero ed Enel. Obiettivo: creare una rete di infrastrutture di ricarica nei punti di maggiore attrazione turistica, come, per esempio, luoghi d'arte e strutture alberghiere.

I vantaggi

L'iniziativa rientra in una più ampia strategia per sensibilizzare i cittadini sui vantaggi della mobilità elettrica e, nello specifico, per promuovere la diffusione delle colonnine tramite accordi commerciali con i rappresentanti del settore e per favorire progetti ad hoc nelle città d'arte e ad alta vocazione turistica. 

Turismo eco-compatibile

"Questo accordo", ha sottolineato il ministro Franceschini, "è un tassello importante per la crescita del nostro settore turistico, in armonia con il territorio anche in senso eco-compatibile e rientra negli obiettivi del Piano strategico". "Una rete di ricarica estesa ai principali luoghi d'arte e ai siti di maggiore attrazione per i visitatori", ha aggiunto Francesco Starace, amministratore delegato di Enel, "non solo contribuirà allo sviluppo del comparto, ma migliorerà la qualità dell'offerta grazie alla riduzione dell'inquinamento atmosferico e acustico e rafforzerà la competitività del nostro Paese".

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

Le due aziende hanno firmato un accordo che prevede l'istallazione di 250 punti di ricarica per le auto elettriche vicine ai punti vendite

· di Marina Fanara

Via al Piano mobilità elettrica con risorse fino a 300 milioni di euro per una rete capillare in tutta Italia. Nel Centro ACI Vallelunga il Polo tecnologico sulla e-mobility