Ultimo aggiornamento  12 novembre 2019 17:06

Bike sharing, fuga dall’Italia.

Valerio Antonini ·

Continuano i problemi per le applicazioni che forniscono servizi di bike sharing in Italia. Gobee Bike, azienda per la condivisione di biciclette in free floating, quindi senza punti di parcheggio predefiniti, ha deciso di abbandonare immediatamente il nostro Paese. La decisione arriva solo a qualche mese dall’inizio delle attività.

Due ruote a fondo

Dopo i ritrovamenti di mezzi resi inutilizzabili o addirittura gettati nei fiumi, infatti, l’azienda di Hong Kong ha perso subito la pazienza (e molti soldi, evidentemente). Gli atti di vandalismo contro la flotta, infatti, hanno reso insostenibile la prosecuzione del servizio. Il rischio è che presto anche altre applicazioni simili decidano di seguire la stessa strada.

A renderlo noto la stessa Gobee Bike che lo ha comunicato con una mail ai suoi utenti registrati. Pare che l'app intenda, per lo stesso motivo, dire addio anche al resto d’Europa. Una magra consolazione per noi: per colpa di pochi a rimetterci è sempre la collettività, quella onesta. 

Tag

Bike Sharing  · Europa  · Gobee Bike  · Italia  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Dopo l'abbandono di oBike, il Campidoglio adotta nuove linee guida per rilanciare il servizio: aree di sosta in ogni municipio e livelli minimi di servizio dagli operatori

· di Marina Fanara

Nel capoluogo lombardo partirà la bici condivisa elettrica che si ricarica pedalando, grazie a tecnologie innovative realizzate da Zehus, start-up del Politecnico

· di Valerio Antonini

A Roma il fiume restituisce alcune biciclette dei nuovi servizi di due ruote condivise e poi gettate via. Atti vandalici già visti a Milano

· di Marina Fanara

Circa 150 le città servite, oltre 30.000 i mezzi disponibili: è boom di bici condivisa, soprattutto al Nord, Milano e Torino in testa. L'avanzata del free floating