Ultimo aggiornamento  22 aprile 2019 00:41

Smog, tensione tra Roma e Bruxelles.

Redazione ·

Alta tensione tra l'Unione Europea e l'Italia sui provvedimenti per combattere lo smog. Bruxelles minaccia di deferire il nostro Paese, insieme con altri 8, alla Corte di giustizia se non verranno prese urgenti misure soprattutto per quanto riguarda le emissioni di Pm10 e No2.

Il ministro dell'ambiente italiano Galletti ha risposto che venerdì arriverà alla Commissione europea un nuovo documento che integra quelli già presentati dal governo italiano e che dovrebbe dare il quadro definitivo delle azioni messe in atto dall'esecutivo

Ultimo sforzo

A lanciare l'allarme è stato il Commissario europeo per l'ambiente Karmenu Vella, in carica dal 2014. "La scadenza - ha ricordato il suo portavoce - è venerdì. Vella ha presentato al Collegio (l'organo formato da un Commissario di ciascun Paese e guidato dal presidente della commissione Junker) l'esito del vertice convocato con i ministri dei 9 Paesi che rischiano il deferimento. L'incontro è stato l'ultimo sforzo per trovare soluzioni al problema della qualità dell'aria. Vogliamo aiutare tutti gli stati a mettersi in regola con quanto hanno concordato ma mai rispettato per molti anni". 

Roma risponde

Gian Luca Galletti ha confermato che il nuovo documento illustra gli interventi in particolare "in materia di energia e mobilità". "Confido - ha continuato il titolare del dicastero di Via Cristoforo Colombo - che il Commissario Vella, con il quale abbiamo intensamente e proficuamente collaborato in questi anni, comprenda l'entità dello sforzo messo in campo dal nostro Paese per adottare soluzioni strutturali e permanenti, in grado di risolvere un problema antico ma riacutizzato dai cambiamenti climatici". 

Tag

Galletti  · Karmenu Vella  · Unione europea  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Troppe auto al Sud e il Nord in balia dello smog: è quanto emerge da "MobilitAria 2018", lo studio di Kyoto Club e Cnr su trasporti e inquinamento

· di Marina Fanara

Smog alle stelle, auto (troppe) e bus vecchi e inquinanti: secondo l'ultimo Rapporto Ispra sulla qualità dell'ambiente urbano, le nostre città sono ad alto rischio