Ultimo aggiornamento  23 febbraio 2019 12:27

Autonoma, basta la parola.

Patrizia Licata ·

Gli americani hanno l'ansia da auto autonoma perciò, per favore, non chiamiamola driverless (senza conducente), ma self driving car (auto che si guida da sola). Lo ha detto il segretario ai Trasporti degli Stati Uniti Elaine Chao in un'intervista con Yahoo Finance - un monito lanciato con un sorriso, certo, ma che tiene conto dell'esito di un sondaggio condotto a dicembre dall'associazione per la sicurezza stradale Highway and Auto Safety Advocates: il 64% degli americani non si sente tranquillo all'idea di ritrovarsi in strada dei veicoli senza conducente. Chiamarli driverless suggerisce una totale assenza di controllo alla guida e "fa schizzare i livelli d'ansia", ha affermato la Chao. "Usiamo invece il termine self driving", per far capire che qualcuno alla guida c'è: la macchina.

Uffici stampa al lavoro 

Il governo americano è convinto del potenziale delle auto autonome in termini di sicurezza: i veicoli completamente automatizzati potranno salvare decine di migliaia di vite, visto che "il 94% degli incidenti si deve all'errore umano", ha detto la Chao. Le auto-robot saranno anche un prezioso aiuto per anziani e disabili, ha continuato il ministro ai Trasporti di Donald Trump. Tuttavia, i benefici della tecnologia driverless, anzi self driving, vanno comunicati al pubblico: "Chiedo ai costruttori e alla Silicon Valley di aiutare le persone a sentirsi più a loro agio col concetto della guida autonoma", è l'invito della Chao.

Gli americani: "Non ci fidiamo"

Anche il governo, però, dovrà fare la sua parte. Il 63% degli americani non condivide le motivazioni delle nuove leggi approvate a fine 2017 dal Congresso (Self Drive Act e AV Start Act), che consentono ai costruttori di mettere in vendita ogni anno fino a 100.000 veicoli che non rispondono ai requisiti di sicurezza vigenti; il limite prima era di 2.500 veicoli.

Va chiarito che non si tratta di veicoli necessariamente "non sicuri", ma in cui le avanzate tecnologie di automazione rendono obsoleti i parametri di sicurezza creati per le auto convenzionali: per esempio, l'auto cento per cento autonoma non ha bisogno di volante e pedali. Ma il 75% degli americani dice di non fidarsi di veicoli privi dei dispositivi più familiari e il 73% vorrebbe che il dipartimento dei Trasporti - proprio quello guidato da Elaine Chao - creasse nuovi standard di sicurezza specifici per le auto driverless. Ovvero, self driving.

Tag

Auto Usa  · Driverless  · Elaine Chao  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Al Forum economico il ministro dei trasporti Usa parla con entusiasmo della guida autonoma e conferma l'impegno del governo a fianco di Case auto e aziende hi-tech