Ultimo aggiornamento  23 ottobre 2018 21:01

Uber salta sulla bici.

Gloria Smith ·

La mobilità del futuro è affidabile, sostenibile, economica: per questo Uber inaugurerà la prossima settimana Uber Bike by Jump, un servizio di bike sharing che parte da San Francisco ma potrebbe estendersi ad altre città, e non solo negli Stati Uniti, visto che Uber parla di opzioni di trasporto accessibili "qualunque sia il posto in cui viviamo o il reddito di cui disponiamo".

L'azienda di ride hailing, alternativa privata ai taxi, non vuole essere identificata solo con le automobili: modalità di trasporto diverse, prenotabili dallo smartphone e a prezzi convenienti, rendono "più facile vivere in città senza la macchina", scrive in una nota stampa Uber.

Pedalata assistita

Uber Bike by Jump, che utilizza bici elettriche a pedalata assistita, è un progetto pilota: i residenti di San Francisco interessati a partecipare devono registrarsi inserendosi in una lista d'attesa (ci sono solo 250 bici Jump al momento). Per il resto, il servizio funziona come un classico bike sharing: tramite la app di Uber - dove apparirà l'opzione Bike in menù - gli utenti potranno localizzare le bici, prenotare il noleggio, sbloccare le ruote e pagare.

Le bici potranno essere lasciate negli stalli di qualunque stazione pubblica per il bike sharing: la app di Uber mostrerà le più vicine in una mappa. "Le biciclette ci entusiasmano perché sono un mezzo di spostamento pulito e conveniente in metropoli sempre più congestionate", scrive Uber. "E' solo un piccolo passo, ma può contribuire a grandi progressi".

Tag

Bike Sharing  · Jump  · San Francisco  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

San Francisco, grido d'allarme dal mondo delle due ruote: la sperimentazione delle auto a guida autonoma metterebbe a rischio la sicurezza della piste ciclabili

· di Redazione

La Bbc racconta la storia di una trentenne che, per arrotondare, consegna pacchi in bici per le vie di New York per conto della società californiana