Ultimo aggiornamento  13 dicembre 2019 22:18

La corsa di Škoda.

Paolo Odinzov ·

Il brutto anatroccolo che si trasforma in cigno: succede anche nel mondo dell'auto dove, più di una volta, marchi minori, magari apprezzati nel solo mercato d'origine o in preda a una crisi d'identità, sono diventati un punto di forza per vendite e numeri nell'economia dei grandi colossi automobilistici. È il caso di Škoda, brand rilevato dal Gruppo Volkswagen nel 2000 che, attraversando diverse vicissitudini, contando sulle sinergie con gli altri marchi di Wolfsburg, è arrivata a proporre nel mercato una famiglia di prodotti che oggi possono competere nei più importanti segmenti: da quello delle city car, a quello dei suv, passando per le compatte e le ammiraglie.

2017, l'anno migliore

Un'offerta di prodotto che ha permesso alla Skoda di arrivare a vendere nel 2017 1,2 milioni di auto, delle quali 477.700 in Europa, superando per il quarto anno consecutivo il milione di immatricolazioni. Un record assoluto nei 122 anni di storia, nei quali il costruttore boemo più di una volta ha stretto alleanze con altri produttori di auto, ad esempio quella con la Hispano-Suiza del 1923, mai però proficue e vincenti dal punto di vista commerciale.

Il cigno diventa elettrico

La "favola" felice delle Škoda è comunque ancora al primo capitolo. La Strategia 2025 che guiderà le prossime mosse della Casa prevede un "adeguamento delle gamma di prodotti alla profonda trasformazione in atto nell'industria dell'automobile" dice il ceo Bernhard Maier. Adeguamento che porterà Škoda ad elettrificare la gamma con un primo modello ibrido plug-in (basato su una variante aggiornata dell'ammiraglia Superb) nel 2019, seguito nel 2020 da un suv completamente elettrico derivato dal concept Vision E, presentato allo scorso Salone di Shanghai. In totale saranno 5 le Skoda elettriche in vendita entro il 2025. Senza contare che proprio negli stabilimenti di Mladá Boleslav verranno prodotti numerosi componenti elettrici per l'intero Gruppo Volkswagen, a testimonianza di come quella che all'origine fu una industria metallurgica dell'Impero austro-ungarico, sia diventata il fiore all'occhiello del primo produttore di automobili al mondo.

Tag

Business  · Skoda  · Volkswagen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Elisa Malomo

Il costruttore del gruppo Volkswagen presenta l’inedito sistema di infotainment con nuove funzioni: dai servizi di geo localizzazione all’accesso da remoto

· di Paolo Odinzov

Il marchio boemo ha rilasciato alcuni disegni della concept che anticipa il futuro modello più "cattivo" in alternativa alla Volkswagen Golf

· di Paolo Odinzov

Lo sport utility della Casa ceca, al debutto a ottobre al Salone di Parigi, ha stabilito un primato girando al Nürburgring con un tempo di 9’29”84

· di Luca Gaietta

La Casa Boema presenterà al Salone di Pechino uno sport utility compatto sviluppato espressamente la vendita nella Repubblica Popolare

· di Paolo Odinzov

La Casa ceca di proprietà Volkswagen punta a una offensiva di prodotto sul mercato delle auto a batteria con il lancio di dieci modelli inediti entro il 2025

 

· di Valerio Antonini

Il costruttore boemo (gruppo Volkswagen) ha consegnato 1,2 milioni di vetture nel 2017 (+6,6%). Utile netto a 1,6 miliardi. Successo per i nuovi suv

· di Paolo Odinzov

La Casa boema amplia la famiglia di suv con un nuovo crossover urbano presentato sotto forma di prototipo al prossimo Salone di Ginevra

· di Valerio Antonini

La Casa boema ha presentato in anteprima europea a Francoforte un concept a batterie e a guida parzialmente autonoma. Controlla anche lo stato di salute

· di Paolo Odinzov

La Casa boema vuole raggiungere 1,5 milioni di auto entro il 2025, per farlo punta su mobilità sostenibile e nuovi modelli nei segmenti più forti