Ultimo aggiornamento  20 novembre 2019 15:46

Ci pensa Bosch.

Paolo Odinzov ·

Ereditate dall'industria aerospaziale, le architetture meccaniche cosiddette ridondanti prevedono due o più sistemi indipendenti tra loro per gestire le stesse funzioni a bordo di un veicolo e sono destinate ad essere fondamentali per aumentare la sicurezza sulle automobili attuali e ancor di più su quelle che verranno a guida autonoma.

Frenata ridondante

Bosch ha presentato allo scorso Salone di Detroit diversi equipaggiamenti che ne prevedono l'impiego. Primo fra tutti la frenata ridondante, ovvero un dispositivo che permette di fermare l'auto anche in caso di guasti del tradizionale sistema frenante. La soluzione ideata dall'azienda tedesca, oggi uno dei maggiori produttori di componentistica per auto, prevede l'utilizzo di un servofreno elettromeccanico intelligente e robotizzato iBooster, in sostituzione di quello a depressione, associato al controllo di stabilità Esp.

L'auto sempre sotto controllo

L'iBooster necessita per il funzionamento della frenata automatica di emergenza, destinata a diventare obbligatoria entro un paio di anni secondo le direttive Ue, ed è capace di attivarsi a prescindere dalla pressione del freno del conducente. Il sistema agisce indipendentemente dall'apparato freni collegato al pedale e permette di rallentare l'auto fino all'arresto completo: evitando anche il bloccaggio e la conseguente perdita di aderenza delle gomme per consentire al pilota il pieno controllo della vettura.

Il servosterzo Eps

Altra componente inedita nel campo della sicurezza attiva portata da Bosch a Detroit, è il servosterzo elettrico Eps con funzione di operatività in avaria. Questo svolge una funzione di assistenza simile a quella dell'iBooster e consente al conducente di manovrare e mettere in sicurezza l'auto anche in presenza di un mal funzionamento dello sterzo.

"L'importanza della ridondanza soprattutto nelle future auto a guida autonoma va ben oltre la sua semplice funzione tecnologica - ha detto Mike Mansuetti, presidente di Bosch in Nord America - conquisterò la fiducia dei consumatori, i quali comprenderanno che questi sistemi sono concepiti con elevati livelli di complessità per gestire un'ampia gamma di situazioni".

Tag

Bosch  · Guida Autonoma  · ridondanza  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Giannini

Il colosso tedesco ha realizzato un software che rileva le condizioni metereologiche locali e le trasmette via gps alle auto connesse, autonome comprese

· di Valerio Antonini

Il colosso tedesco ha chiuso il 2017 con una crescita del 6,7% rispetto all’esercizio precedente. Il fatturato è arrivato a 78 miliardi di euro. 500 nuovi assunti

· di Luca Gaietta

Il colosso tedesco prevede di guadagnare sempre di più grazie al nuovo business dei componenti per l'auto a guida autonoma

· di Redazione

Guida e parcheggio autonomo, servizi, elettromobiità. Le novità del colosso tedesco al salone di Francoforte insieme a una showcar