Ultimo aggiornamento  17 febbraio 2019 02:59

Arabia Saudita, largo alle elettriche.

Sergio Benvenuti ·

La compagnia Saudi Electricity Company (Sec) - azienda che distribuisce energia in Arabia Saudita attraverso 45 impianti - ha siglato un accordo con tre società giapponesi, il costruttore Nissan, Tokyo Electricity e Takawaka Toco Energy Solutions, per portare a termine un progetto pilota dedicato all'introduzione delle auto a batteria nel Paese mediorientale.

Aria nuova

La strategia messa in atto da Sec si pone l'obiettivo di ridurre la dipendenza del Paese arabo dal greggio, migliorare la conservazione dell'ambiente e abbattere l'inquinamento emesso dai veicoli che vanno con motori tradizionali.

L'accordo prevede lo sviluppo di colonnine elettriche con ricarica rapida - fornite da Takawaka Toco Energy Solutions - grazie al quale l'auto potrà "fare il pieno" in mezz'ora. Nissan invece metterà a disposizione tre modelli di veicoli a batteria.

Il vice direttore generale dell'azienda araba, Khalid Al-Rashid, durante la cerimonia della firma con i funzionari della Tokyo Electricity, Nissan e Takawaka Toco Energy Solutions, ha dichiarato: "Il progetto è un passo fondamentale per inserire nuove tecnologie eco sostenibili in un Paese che universalmente è riconosciuto come la patria del petrolio."

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Ora che le donne potranno guidare, per molti costruttori è il momento di promuovere il brand e inneggiare al "girl power". Da Volkswagen a Nissan, via ai messaggi su Twitter