Ultimo aggiornamento  18 settembre 2019 15:49

Smog, Torino ferma ancora i diesel.

Marina Fanara ·

Nonostante la pioggia battente, a Torino continua l'allarme smog che, dallo scorso 12 dicembre, supera il tetto di legge (per il Pm10 la soglia massima è 55 microgrammi per metro cubo). Così è scattato il livello rosso (si applica dopo 10 giorni consecutivi oltre i limiti) e il comune è stato costretto a sancire lo stop ai veicoli diesel fino a Euro 5. Se l'emergenza dovesse protrarsi fino al 2 gennaio, si rischia di arrivare al livello viola: dopo 20 giorni di criticità il blocco della circolazione è totale, anche nei giorni festivi, a prescindere dal tipo di alimentazione e classe Euro (quindi si fermano pure i benzina, Gpl e metano più nuovi).

Diesel nel mirino 

In attesa dei dati Arpa, che dovrebbero essere rilevati il 28 dicembre e che dovrebbero confermare o meno una diminuzione dell'inquinamento, all'interno della città potranno circolare solo i veicoli elettrici e ibridi e le auto con almeno tre persone a bordo. Quanto agli orari, lo stop ai diesel privati si protrae dalle 8 alle 19 dal lunedì al venerdì, mentre i veicoli commerciali non potranno transitare dalle ore 8,30 alle 14 e dalle 16 alle 19 dei giorni feriali e nelle fasce 8,30-15 e 17-19 il sabato e i festivi. Resta fermo il divieto di transito per i benzina e Gpl Euro 0 e le deroghe stabilite per determinate categorie.

Le disposizioni previste dal livello rosso sono in vigore solo entro i confini comunali, mentre nell'area metropolitana torinese permangono le restrizioni stabilite dal cosiddetto livello arancione, secondo il quale dopo 4 giorni consecutivi del superamento di legge per le poveri sottili si ferma la circolazione delle auto diesel fino a Euro 4, tutti i giorni della settimana (dalle ore 8 alle 19) e dei veicoli merci a gasolio nelle finestre del mattino e pomeriggio (8,30-14 e 16-19) e del week end (8,30-15 e 17-19).

Patto padano antismog

In assenza di criticità restano comunque invariate le misure permanenti anti inquinamento in vigore dallo scorso 1° ottobre al 31 marzo 2018: dalle 8,30 alle 19 si fermano i diesel fino a Euro 2 e i veicoli benzina, Gpl e metano Euro 0, mentre i mezzi commerciali delle medesime motorizzazioni si fermano nelle stesse fasce orarie giornaliere stabilite per i livelli arancione e rosso. Ricordiamo che in base all'accordo anti smog siglato nei mesi scorsi tra ministero dell'Ambiente e regioni Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, da ottobre del prossimo anno scatteranno ulteriori restrizioni nei comuni dell'area padana con più di 30 mila abitanti come il divieto permanente di transito per i diesel fino a Euro 3 per l'intera stagione autunno-inverno.

Tag

Diesel  · Inquinamento  · Misure anti smog  · Polveri Sottili  · Torino  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

La città piemontese partecipa con Roma al programma comunitario per diventare "Capitale a misura di ciclista" sull'esempio delle migliori metropoli europee

· di Luca Gaietta

La Casa giapponese dal primo gennaio non vende più auto a gasolio nel nostro paese. A tutto ibrido, dopo un mix del 62% (con Lexus) nel 2017

· di Marina Fanara

Smog alle stelle, auto (troppe) e bus vecchi e inquinanti: secondo l'ultimo Rapporto Ispra sulla qualità dell'ambiente urbano, le nostre città sono ad alto rischio

· di Marina Fanara

Comune ed Eni sperimentano un nuovo bio carburante per i mezzi pubblici in grado di abbattere lo smog e aumentare il recupero degli scarti alimentari

· di Marina Fanara

Prima domenica senz'auto il 17 settembre per il capoluogo piemontese, che rientra nel patto delle città padane per affrontare in comune l'emergenza inquinamento