Ultimo aggiornamento  17 febbraio 2019 01:35

Volkswagen: in Asia come Marco Polo.

Valerio Antonini ·

Un convoglio di undici vetture Volkswagen cinesi in viaggio lungo la “New Silk Road” - la Nuova Via della Seta, partendo dal lontanissimo oriente e passando per Russia, Lituania, Polonia e Repubblica Ceca, fino alla sede di Wolfsburg, in Germania. XinhuaNet, una delle maggiori agenzie di stampa della Repubblica Popolare, ha pubblicato un reportage con le immagine suggestive della carovana che ha attraversato, in fila indiana, le dune sabbiose dell’antica Cina, i ponti sul Fiume Giallo, le lande ghiacciate dell’Europa orientale, per arrivare in Germania, nelle officine di Casa.

Via della seta

Il progetto, finanziato dal governo di Pechino che ha investito la ragguardevole cifra di 900 miliardi di dollari ha lo scopo di riqualificare l’antica via di comunicazione dei mercanti orientali, rendendola praticabile per il trasporto merci e come collegamento inter-culturale (anche simbolico) dalla Cina all’Europa.

Come leader della carovana è stato scelto l’esperto pilota Li Feng, un professionista già abituato a questo tipo di avventure. Nel 2004, infatti, aveva completato il giro del mondo al volante, e tutt’ora detiene diversi record di resistenza e chilometri percorsi. Il convoglio Volkswagen era formato da otto Teramonts, la controparte cinese del suv di media grandezza Atlas, e tre Phideons, berlina di lusso per il mercato asiatico.

Sulle orme di Polo

Le immagini ricordano alcuni tratti del lungo e misterioso viaggio che Marco Polo trascrisse nella sua opera più celebre: “Il milione”, una vera e propria enciclopedia socio-geografica del suo tempo che riunisce in un unico testo le conoscenze sull'Asia disponibili alla fine del tredicesimo secolo.

Li Feng, con il suo convoglio di Volkswagen, ha percorso al contrario parte dell’itinerario dell’esploratore veneziano. In realtà Marco Polo, partito dall’Europa nel 1271, fece una strada ancora più lunga, attraversando l'Anatolia e la fredda Armenia. Scese poi verso il fiume Tigri, toccando probabilmente Mosul e Baghdad, nell’attuale Iraq. Continuò attraverso l’antica Persia (Siria e Iran), passando per il caldo deserto dei Gobi, fino ad arrivare ai confini del Catai, nel Tangut, la provincia più occidentale della Cina. Il viaggio proseguì lungo la parte settentrionale dell'ansa del Fiume Giallo, arrivando finalmente a Khanbaliq, l'antica Pechino, a conclusione di un viaggio durato tre anni e mezzo. E oggi la Via della Seta potrebbe tornare a risplendere nel cuore della Cina.

Tag

Cina  · Marco Polo  · Volkswagen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Bevagna

Il gruppo tedesco ha specificato le risorse miliardarie che saranno investite in elettrificazione, automazione, connettività e servizi di mobilità.

· di Patrizia Licata

La casa tedesca, che vuole arrivare a produrre 3 milioni di auto elettriche l'anno, apre una gara per la fornitura di un componente chiave delle batterie