Ultimo aggiornamento  13 dicembre 2019 16:13

Svartpilen 701, tutto in una moto.

Antonio Vitillo ·

Un concept per strizzare l'occhio al mondo dello sport. E' la storia dietro le sorprendenti linee della Svartpilen 701, l'ultima proposta del marchio svedese Husqvarna. Sono gli stessi costruttori a sottolineare come la moto tragga diretta ispirazione dal mondo del “flat track”, due ruote nate per correre “di traverso” su particolari ovali sterrati.

La Svartpilen 701, come le sorelle da pista di cui parliamo, ha sella, serbatoio e manubrio che sembrano uniti in una linea “piatta”. A guardarla si ha una percezione di leggerezza generale che dovrebbe renderla divertente e facile da guidare. Ma dà anche una sensazione di potersi trovare a proprio agio su fondi irregolari, magari su strade in terra bianca.

Pronta alla produzione

La Svartpilen 701 - presentata dalla casa svedese da qualche anno di proprietà dell’austriaca Ktm - mostra una cura precisa dei dettagli che sembrerebbe indicare come presto potrebbe entrare in produzione. Le sue linee sono fatte di una ciclistica che comprende il telaio a traliccio in acciaio CrMo e le sospensioni Wp; le ruote in alluminio sono di diametro 18” all’anteriore, di 17” sul posteriore, misure che sono caratteristiche di moto pensate per l’entro-fuoristrada. Anche le gomme, dotate di una generosa scolpitura, confermando l’attitudine ad affrontare qualsiasi superficie.

I freni a disco sono forniti di Abs. Il motore monocilindrico ha una capacità di 692,7 centimetri cubici, è raffreddato a liquido ed eroga una potenza massima di 75 cavalli a 6.750 giri/min. Mantenendo fede al design cui si ispira, la Svartpilen 701 adotta gruppi ottici essenziali; quello anteriore è un corpo unico, che rifà il verso alla tabella porta numero, elemento che ha ispirato anche i sottosella laterali.   

Tag

Husqvarna  · KTM  · Svartpilen 701  · Svezia  · 

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

Si chiamano Vitpilen 401 – 701 e Svartpilen 401 le due prossime scommesse della Casa costruttrice di Jonkoping, ora di proprietà della Ktm