Ultimo aggiornamento  16 ottobre 2018 09:54

Liverpool, missione "aria pulita".

Gloria Smith ·

Zone a traffico limitato, obbligo di spegnere il motore quando l'automobile è in coda, 100 nuove colonnine di ricarica per veicoli elettrici: questi i pilastri del piano anti-smog di Liverpool. "Abbiamo ridotto i livelli di biossido di zolfo, ma l'inquinamento da biossido di azoto e polveri sottili è ancora troppo alto", ha indicato il sindaco Joe Anderson. Lo smog è almeno in parte responsabile del 4% delle morti a Liverpool, perciò "non basta essere scesi sotto la soglia d'allarme. Per il 2025 voglio creare in centro una zona dove circoleranno solo veicoli elettrici o con combustibili puliti, biciclette e pedoni".

Motori spenti davanti alle scuole

Anderson la chiama “Clean Air Zone", una zona dove l'aria deve tornare ad essere respirabile in nome della salute pubblica. L'amministrazione di Liverpool ne sta ancora definendo caratteristiche e costi, ma secondo la stampa locale probabilmente includerà il bando dei veicoli diesel dal centro a partire dal 2019 e in tutto il territorio urbano dal 2024. Le autorità stanno anche valutando di introdurre l'obbligo di spegnere il motore quando l'auto si ferma in alcune aree "sensibili", per esempio davanti alle scuole. Verranno inoltre installati 100 punti di ricarica per veicoli elettrici plug-in in punti strategici della città: non solo le strade principali ma anche parcheggi, supermercati o centri commerciali.

Città a bassissimo impatto 

Sono molte le amministrazioni britanniche che stanno varando strategie per migliorare la qualità dell'aria e stimolare l'uso dei veicoli elettrici. L'anno scorso Londra, Nottingham, Bristol e Milton Keynes hanno vinto un bando del governo aggiudicandosi complessivamente 40 milioni di sterline di fondi pubblici per diventare pionieri delle "Go Ultra Low Cities", città che vanno "verso la mobilità a bassissime emissioni". Le quattro autorità municipali stanno finanziando ora la realizzazione di nuove colonnine per la ricarica elettrica, flotte di autobus a basse emissioni e l'offerta di incentivi ai proprietari di auto non inquinanti (come parcheggi gratuiti, l'accesso alle corsie preferenziali o la priorità ai semafori). Proprio in questi giorni Milton Keynes ha avviato l'installazione di nuovi punti di ricarica, iniziando da quattro colonnine presso la Carlton Packaging, che serviranno ai veicoli usati dall'azienda e dai suoi dipendenti. Milton Keynes ha anche aperto un Electric vehicle experience centre, un centro dove tutti i residenti possono provare le auto elettriche e noleggiarle per brevi periodi per testarne caratteristiche e vantaggi. 

Tag

Colonnine elettriche  · Liverpool  · Londra  · Milton Keynes  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il sobborgo del nord di Londra già noto per essere, tra l'altro, sede della scuderia della Red Bull, sta per trasformarsi in una città a guida autonoma