Ultimo aggiornamento  18 agosto 2018 16:51

Bmw: ruote due, emissioni zero.

Patrizia Licata ·

Bici e moto elettriche su strade sopraelevate che evitano il traffico e collegano rapidamente con il centro delle metropoli: la mobilità a zero emissioni immaginata da Bmw è anche questo, una tangenziale aerea riservata alle due ruote che non inquinano. Da percorrere con il concept che ha preso il nome di "Bmw Vision E³ Way", nato nei laboratori di Shanghai della divisione "Ricerca, nuove tecnologie, innovazioni" del costruttore tedesco. In Cina si calcola che nel 2050 più di un miliardo di persone abiterà in città gigantesche che saranno invivibili se la mobilità non sarà progettata per combattere traffico e smog.

Collegamenti "in linea d'aria"

La Bmw Vision E³ Way rappresenta "la nuova dimensione della mobilità nelle megalopoli sovraffollate perché è efficiente, conveniente e sicura", affermano al Bmw Group Technology Office China. Non si tratta solo della Cina, ovviamente: sempre più persone in tutto il mondo si trasferiranno nelle città e si creeranno agglomerati urbani così estesi da rischiare di diventare invivibili se non cambieremo il modo di progettare non solo i veicoli ma le stesse città. Ecco dunque l'idea degli scienziati di Bmw a Shanghai: un modello di strada per due ruote elettriche che corra sopra le vie già esistenti con rampe che funzionano da "uscite" strategicamente posizionate per portarci in centro, alle stazioni dei treni, alle fermate della metro, al supermercato, al centro commerciale, al cinema e in tutti gli altri punti rilevanti della città. E' una vera tangenziale aerea per gli spostamenti locali, con percorsi non superiori a 15 chilometri.

Sostenibilità al cubo

La E al cubo nel nome del progetto rappresenta i tre concetti centrali della visione di Bmw: una mobilità "elettrica", "efficiente" (si riducono tempi e costi dello spostamento) ed "elevata", visto che la superstrada di e-bici e e-scooter va al di sopra delle strade dove viaggiano gli altri mezzi. Si crea così più capacità di ospitare veicoli nelle città, ma senza consumare suolo pubblico e riservando il nuovo spazio solo alle due ruote che non inquinano. La sicurezza della sopraelevata è garantita dall'esclusione delle automobili e dal limite di velocità, 25 chilometri orari.

Una strada molto intelligente

Su queste tangenziali aeree potremo guidare veicoli a due ruote di nuova concezione come il Bmw Motorrad Concept Link e il Bmw Motorrad X2 City - entrambi nati dal centro ricerche del costruttore tedesco. Ma chi non possiede una e-bici o uno e-scooter potrà ugualmente accedere alla sopraelevata prendendo in "prestito" una due ruote dai servizi in sharing. La sopraelevata si adatta a ogni clima: il concept di Bmw prevede una copertura che protegge la strada dal maltempo e dall'afa estiva. C'è di più: un sistema di condizionamento che sfrutta acqua piovana purificata rinfresca la sopraelevata delle due ruote elettriche e può essere usato anche per pulire la superficie delle strade tradizionali sottostanti. Telecamere di videosorveglianza rendono la sopraelevata sicura e, grazie alla raccolta dei dati sui flussi di bici e moto e la loro elaborazione con algoritmi di intelligenza artificiale, collegano la superstrada con l'intero ecosistema urbano della mobilità - anzi, con tutti i servizi della smart city.

Italia in ritardo

Il progetto nato dai laboratori Bmw a Shanghai è "modulare e scalabile": si può personalizzare a seconda delle esigenze di ogni città. Forse le prime a provarlo saranno le altre metropoli asiatiche dove hanno sede gli altri uffici del centro ricerche Bmw: Tokyo e Seul (c'è anche una sede americana a Mountain View, la città della Silicon Valley che ha dato i natali a Google). In Italia dovremo probabilmente aspettare: l'ICity Rate 2017, il ranking italiano delle smart city realizzato da FPA, mette in evidenza un generale "ritardo del sistema urbano nei confronti degli obiettivi di sostenibilità". Non mancano i casi di eccellenza: Milano, Bologna, Firenze, Venezia, Trento, Bergamo, Torino, Ravenna, Parma e Modena rappresentano la nostra Top ten. Ma resta fuori la nostra megalopoli per eccellenza, la capitale Roma, che pure sarebbe la candidata ideale per una sopraelevata di sole due ruote a zero emissioni.

Tag

Bicicletta  · BMW  · Cina  · Vision E³ Way  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Anne Hidalgo, sindaco di Parigi, ribadisce al C40 la linea dura contro l'inquinamento da trasporti e chiede un impegno comune per abbattere traffico e congestione

· di Luca Gaietta

Il costruttore realizza una bicicletta che a pedalata assistita raggiunge i 25 chilometri orari. La batteria garantisce un'autonomia di 100 chilometri