Ultimo aggiornamento  25 aprile 2019 23:57

Dieselgate, Fca a rischio multa in Francia.

Redazione ·

Nove miliardi e 620 milioni di euro. A tanto ammonterebbe la sanzione in Francia a cui andrebbe incontro Fca se fosse confermata l'accusa di aver truccato i dati sulle emissioni di ossido d'azoto su alcuni dei suoi modelli con motori diesel. 

Test manipolati

L'indiscrezione è stata data dal quotidiano Le Monde che sostiene di avere avuto accesso ai documenti del verbale di infrazione contro il costruttore italo-americano aperto nel marzo del 2017 e depositato presso la Direzione generale della concorrenza e della lotta alle frodi a Parigi. 

Secondo gli incartamenti, le auto del marchio coinvolte nello scandalo sarebbero i due modelli del gruppo più venduti in Francia, la Jeep Cherokee e la Fiat 500X. Fca, riporta il quotidiano transalpino, avrebbe manipolato i motori per rientrare nei parametri dei test di omologazione, nascondendo i valori effettivi delle emissioni e ottenendo alla fine un guadagno, tra il 2014 e il 2016, di oltre 151 milioni di euro. Il gruppo, per ora, non ha commentato quanto scritto dal quotidiano francese.

Responsabilità penale

Dal 2015 lo scandalo sulle emissioni truccate in Francia ha già coinvolto altre Case, tra cui Volkswagen e Psa. Quest'ultima rischia a sua volta una multa che si aggirerebbe intorno ai 5 miliardi di euro. Ad aggravare la posizione di Fca ci sarebbe anche una denuncia penale per avere "ostacolato l'azione dei pubblici ufficiali deputati a constatare le infrazioni". Solo per quest'ultimo capo di imputazione si rischia una multa a partire dai 300.000 euro e gli eventuali responsabili potrebbero essere puniti anche con una condanna fino a due anni di prigione

La Borsa di Milano ha reagito alle indiscrezioni provenienti dalla Francia portando il titolo Fca ad una perdita dello 0,2% nella mattinata di lunedì. 

Tag

Dieselgate  · FCA  · Francia  · PSA  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

Nel 2017 la quota di immatricolazioni di vetture a gasolio scende sotto il 50% per la prima volta dopo il 2000. Bene le ibride, vola l'Alfa Romeo grazie allo Stelvio

· di Patrizia Licata

Mai più scandalo sulle emissioni: il direttore dell'agenzia ambientale americana minaccia i costruttori auto colpevoli. Gruppo di Marchionne compreso