Ultimo aggiornamento  16 settembre 2019 06:48

Roma, allarme cinture e seggiolini.

Redazione ·

L’uso delle cinture di sicurezza è obbligatorio dal 1988 sui sedili anteriori e dal 2006 su quelli posteriori. A Roma però più di 1 conducente su 5 ancora non le allaccia. I passeggeri sono ancora più indisciplinati: il 26% viaggia nella Capitale senza protezione sul sedile anteriore e la percentuale sfiora addirittura l’80% sulle sedute posteriori. I dati sono il frutto del monitoraggio della Fondazione Filippo Caracciolo, presentato da Automobile Club Roma e Direzione Compartimentale Centro Sud ACI, che raccoglie i risultati dell’osservazione di 66.000 veicoli in nove punti nevralgici di Roma.

Emergenza seggiolino e telefono

I numeri della Fondazione accendono i riflettori sull’emergenza sociale rappresentata dalle cattive e pericolose abitudini anche nel trasporto dei bambini in auto: il 57% dei piccoli viaggia senza sistemi di ritenuta. E’ allarme anche per il dilagare dell’uso scorretto del telefono al volante: il 6% dei conducenti è stato colto in flagrante con il cellulare in mano. Le recenti campagne dell’Automobile Club d’Italia con gli hasthag #guardalastrada e #mollastotelefono, riprese dalla Federazione Internazionale dell’Automobile con #parkyourphone, hanno già raggiunto milioni di persone, ma occorre insistere per fare breccia nelle abitudini degli utenti della strada.

71% delle auto con un solo occupante

La rilevazione è finalizzata anche alla sostenibilità ambientale, misurando in 1,37 persone per autovettura il coefficiente di riempimento dei veicoli circolanti a Roma. Il 71% delle auto viaggia con il solo conducente e in 94 veicoli su 100 i sedili posteriori sono vuoti. Come ha dichiarato Giuseppina Fusco, presidente dell’Automobile Club Roma e della Fondazione Caracciolo, “il rapporto evidenzia molte criticità e chiama istituzioni, forze sociali ed associazioni a un impegno sempre più attivo sul piano culturale. ACI sta già intensificando il programma di corsi di educazione stradale nelle scuole e lo studio rientra in una campagna di monitoraggio sulla mobilità, che amplierà il raggio di azione verso altre categorie di utenti della strada”.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

La giunta Raggi prevede nella legge di bilancio importanti risorse per i trasporti nel prossimo triennio: metropolitane, Grab, piste per le bici, bus, tram e filovie

· di Redazione

La Consulta per la sicurezza stradale ha presentato i suoi "consigli" all'amministrazione capitolina. Viabilità e segnaletica tra le "azioni prioritarie"

· di Marina Fanara

Nel 2016, nei Comuni più grandi d'Italia, le contravvenzioni al Codice della strada sono state più di 18 milioni. Lo rileva il Rapporto Anci

· di Francesca Nadin

Per agevolare l'accesso ai mezzi pubblici, la Capitale copia Londra e Barcellona con una speciale pedana anti sosta selvaggia davanti le pensiline. La prima a San Giovanni