Ultimo aggiornamento  13 dicembre 2019 05:46

Volkswagen va a batteria con Google.

Carlo Cimini ·

Il gruppo Volkswagen sta investendo pesantemente sulla ricerca e lo sviluppo delle batterie dei veicoli elettrici. Per questa ragione ha firmato una partnership con Google: l'accordo prevede l'utilizzo di computer quantistici per migliorare le prestazioni degli accumulatori. 

Energia quantica

L'intesa tra le due aziende prevede l'utilizzo dei computer quantici (dispositivi che elaborano le informazioni e usano i fenomeni tipici della meccanica quantistica, come la sovrapposizione degli effetti) per migliorare lo status delle batterie delle auto elettriche. L'intelligenza artificiale e il calcolo quantistico sono entrambi considerati come potenti metodi per risolvere gli interrogativi che pone la scienza e aiutano a creare nuovi materiali per ottimizzare le tecnologie esistenti, come gli accumulatori.

Nuovi accessi al futuro

Martin Hofmann, responsabile della comunicazione del gruppo tedesco, ha commentato: "Il calcolo quantistico apre nuove dimensioni e rappresenta un nuovo punto di partenza per il futuro. Noi di Volkswagen vogliamo essere tra i primi a utilizzare questa tecnologia per i processi aziendali, non appena sarà commercialmente disponibile. Grazie alla collaborazione con Google, abbiamo compiuto un passo importante."

Attualmente, le batterie agli ioni di litio dominano l'industria dei veicoli elettrici e sono disponibili con diversi tipi di sostanze chimiche (come il cobalto). Ma i ricercatori stanno continuamente esaminando soluzioni innovative come gli accumulatori in grafene.

Tag

Batteria  · Google  · Innovazione  · Volkswagen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Bevagna

Il gruppo tedesco ha specificato le risorse miliardarie che saranno investite in elettrificazione, automazione, connettività e servizi di mobilità.

· di Redazione

Il ceo di Volkswagen annuncia che potrebbe esserci una versione a batteria del Beetle, il modello più famoso del marchio. E ritornerebbe la trazione posteriore