Ultimo aggiornamento  18 ottobre 2019 01:29

Europa, la frenata di settembre.

Paolo Odinzov ·

Dopo 12 mesi di corsa il mercato europeo dell’auto rallenta il passo e registra a settembre un calo di vendite con 1.466.336 unità che valgono il 2% in meno rispetto allo stesso mese del 2016. Era dallo scorso ottobre (-0,3%) che le immatricolazioni di vetture nei 28 paesi del Vecchio Continente più quelli dell’Efta non presentavano un segno negativo. Nei primi nove mesi dell'anno la crescita è del 3,6% con 12.026.194 ordini.

Bene Italia e Spagna, male Germania e UK

Stando ai dati diffusi dall’ACEA (l’Associazione dei Costruttori Europei) e guardando nel dettaglio ai vari paesi, l’Italia è tra quelli che, nonostante il risultato globale, vanta anche a settembre un incremento con quasi 167mila targhe (+8,1%) per un totale da gennaio a ottobre di oltre 1,5 milioni di auto (+9%). Segno più anche per la Spagna con una crescita del 4,6%, Mentre rallentano Germania -3,3%, che chiude comunque i primi 9 mesi con un +2,2%, e Gran Bretagna - 9,3% e -3,9% nel computo da gennaio a ottobre.

I costruttori che scendono

Tra i costruttori in flessione, Fca ha immatricolato a settembre in Europa 90.038 auto che le sono valse l’1% in meno rispetto al 2016. Male anche il gruppo Volkswagen che ha archiviato il mese con 340.866 unità (-1,1%), Bmw 111.729 unità (-2,1% ), Daimler 100,021 unità (-1,2%), Volvo 27.386 unità (-0,3%), Mazda 25.710 unità (-6,2% ), Jaguar Land Rover 27.663 unita (-3,1% ), Honda 16.517 unità (-17,1%) e Mitsubishi 9.858 unità (-5,9%).

Quelli che salgono

Chiudono invece salendo nei numeri Psa +70,1% (219.361 unità) grazie però alla novità del contributo della neo-arrivata Opel, Renault +0,4% (131.828 unità) Toyota +1,9% (67.876 unità) Nissan +3,3% (64.102 unità), Hyundai +2,1% (52.518 unità), Kia +6,5% (47.561 unità) e Suzuki +18,5% (25.221 unità).

Tra le cause un giorno lavorativo in meno

Tra le cause generali del calo, secondo gli analisti va considerato un giorno lavorativo in meno a settembre 2017 che in termini di immatricolazioni vale circa il 4,5% del dato mensile. Secondo le stime il mercato della Ue nel 2017 chiuderà il suo bilancio con 15.180.000 immatricolazioni e quindi l'appuntamento con i livelli ante-crisi è rimandato al 2018 e sarà fortemente influenzato dalla prosecuzione della ripresa nei paesi più provati dalla crisi del 2008, in particolare Italia e Spagna.

Tag

Acea  · Mercato auto  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Ottobre rosso dopo un brutto settembre, ma sui 10 mesi resta il segno più. Crollo Alfa Romeo, quota Fca sotto il 6%, gruppo Volkswagen primo, bene Jaguar e Volvo nei premium

· di Paolo Odinzov

Secondo l'Acea, le immatricolazioni di auto sono aumentate in luglio del 2,6% e in agosto del 5,5%. Bene Fca, trainata da Alfa Romeo

· di Stefano Antonetti

Il 2017 inizia bene per l'auto del Vecchio Continente con un +10,2%. In termini di quota, bene Fca e Daimler, stabile il gruppo Volkswagen, perdono qualcosa Psa e Opel