Ultimo aggiornamento  22 aprile 2019 01:08

Cina, quote elettriche dal 2019.

Paolo Borgognone ·

Il governo cinese ha stabilito severi obiettivi di vendita per i veicoli elettrici e ibridi plug-in a partire dal 2019, lasciando però l'industria libera di operare nel corso del 2018.

Nel 2019 almeno il 10% delle auto vendute in Cina dovrà essere a basse emissioni. La quota si alzerà poi al 12% per il 2020. 

Accumulo di crediti

Lo ha annunciato il ministero dell'industria e tecnologia di Pechino in una nota che ha sostanzialmente confermato quanto già trapelato nelle scorse settimane, con la differenza che il previsto tetto dell'8% da raggiungere già nel 2018 è stato cancellato. Erano stati gli stessi costruttori, sia locali che internazionali, a chiedere un ammorbidimento delle richieste almeno per il prossimo anno. La regola varrà per tutte quelle Case che venderanno almeno 30.000 vetture nel corso di dodici mesi. 

Il sistema funziona attraverso dei crediti che potranno essere accumulati, riducendo - di fatto - il numero complessivo di auto da vendere. La quantità di crediti ricevuti varia da modello a modello a seconda delle performance in termini di mancate emissioni e di autonomia. A parere degli esperti, il nuovo regolamento porterà in totale alla commercializzazione di più di un milione di vetture a batteria o ibride plug-in l'anno nel Paese asiatico.

L'industria dice sì

Positiva la risposta delle Case all'annuncio del governo di Pechino. In un comunicato, Ford ha accolto favorevolmente la notizia, mentre General Motors ha confermato l'impegno a seguire le regole, confermando la fiducia nella propria capacità di rientrare nei parametri. Honda, dal canto suo, ha ribadito l'intenzione di lanciare un nuovo veicolo elettrico sul mercato cinese già dal prossimo anno e ha promesso di allargare l'offerta della propria gamma a basse emissioni per rientrare nelle quote richieste

Tag

Auto Elettrica  · Cina  · Ford  · Gm  · Honda  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il governo di Pechino potrebbe presto permettere ai costruttori stranieri di operare nel settore delle auto a batterie senza obbligarli a joint venture con imprese locali

· di Patrizia Licata

Il 10% dei veicoli venduti nel paese asiatico dovrà essere a batteria nel 2018, si salirà al 20% nel 2025. Ma in vista c'è il bando totale di benzina e diesel