Ultimo aggiornamento  20 marzo 2019 12:14

Byd sogna una Cina a batterie.

Carlo Cimini ·

Tra poco più di dieci anni tutti i mezzi privati in Cina potrebbero essere a batteria. È la previsione del costruttore automobilistico locale Byd, secondo il quale il passaggio alla mobilità totalmente elettrificata avverrà, almeno nelle 20 città più importanti del Paese, entro il 2030.

A vele spiegate

Il presidente della Byd, Wang Chuanfu non ha usato mezzi termini nella dichiarazione raccolta dalla Reuters, affermando che, per rispettare le tabelle di marcia verso un'altra motorizzazione, entro il 2020 dovranno essere venduti almeno 2,5 milioni di veicoli a batteria, ibridi e plug-in.

Stop a diesel e benzina

La transizione all'elettrificazione viaggia spedita in Cina ed è in parte anche obbligata. L'intenzione dell'esecutivo di Pechino è quella di bloccare le immatricolazioni dei modelli benzina e gasolio forse già a partire dal 2025. "Siamo certi della concretezza di questi piani, che stanno già mettendo pressione sulle Case", ha dichiarato il presidente di Byd, "e crediamo che verranno attuati perfino prima del previsto". Una svolta che in Europa, nonostante qualche annuncio sia già arrivato, può essere considerata ancora "impraticabile".

Tag

Auto Elettrica  · BYD  · Cina  · Mercato auto  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

L'azienda di mezzi di trasporto pubblico cinese, entro novembre, consegnerà alla capitale Santiago una piccola flotta a batteria dei suoi modelli K9FE

· di Carlo Cimini

Il costruttore cinese, per il terzo anno consecutivo, primeggia nella top ten delle vendite globali delle auto "green". Sul podio 2017 anche Baic e Tesla

· di Carlo Cimini

La metropoli cinese è la prima al mondo ad avere tutta la flotta di mezzi pubblici a zero emissioni: oltre 16 mila, più del parco a batteria degli interi Stati Uniti

· di Enrico Artifoni

Il colosso cinese ha annunciato che aprirà un'altra fabbrica per la costruzione di mezzi pubblici a batteria nel nord della Francia. La terza nel vecchio continente

· di Redazione

Il costruttore ingaggia l'attore americano, premio Oscar e "messaggero di pace" delle Nazioni unite, per "spingere" la mobilità a zero emissioni in Cina