Ultimo aggiornamento  15 settembre 2019 20:28

Polizia, in aumento incidenti mortali.

Marina Fanara ·

"Negli anni passati c'è stato un calo progressivo degli incidenti, ma ultimamente siamo in una fase stazionaria, nella quale, però, e su questo richiamo l'attenzione di tutti, a fronte di una diminuzione dei sinistri con feriti, sono in aumento gli incidenti mortali". A lanciare l'allarme è Giuseppe Bisogno, direttore della Polizia stradale, che, durante la presentazione della Giornata Europea senza morti sulle strade ha fornito i dati più recenti sullo stato della sicurezza lungo le nostre strade.

Meno feriti, più morti

Stando ai numeri registrati da Polizia e Carabinieri, da gennaio a settembre di quest'anno, ci sono stati 20 morti in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Viceversa, le persone rimaste ferite sono state circa 1.500 in meno: "Questi numeri sono frutto delle rilevazioni effettuate da Polizia stradale e Carabinieri, perché i dati delle Polizie locali in nostro possesso non sono definitivi", ha sottolineato Bisogno, "inoltre, considerando che sulle autostrade, sempre da gennaio a settembre, la situazione è pressoché invariata rispetto al 2016, c'è da pensare che l'emergenza sia nelle città e sulle strade extraurbane".

Edward in campo

"Serve uno sforzo maggiore", ha aggiunto il direttore della Polstrada, "che non significa solo più contrasto nei confronti di chi non rispetta le regole del Codice, ma anche azioni mirate e formazione continua per ridurre quelli che sono i comportamenti più gravi alla guida: velocità, alcol e droga, e distrazione, soprattutto da smartphone. Ma, per questo, serve uno sforzo comune e più responsabilità da parte di tutti". E la Giornata europea senza morti sulle strade (l'acronimo è Edward, European day without a road death) può essere un potente strumento di sensibilizzazione a riguardo.

Le Polizie fanno squadra

Edward è un'iniziativa promossa da Tispol, il network delle Polizie europee (la nostra Polstrada ha la presidenza da ottobre 2016), è supportato dalla Commissione europea e vi aderiscono 31 Paesi. L'obiettivo è intraprendere azioni comuni per rispondere al 50% in meno di vittime sulle strade fissato dall'Ue per il 2020, con la speranza di arrivare, appunto, fino a "zero". Il che significa, non solo controlli a tappeto sulle strade, ma anche programmi di educazione stradale, campagne di sensibilizzazione: "Dobbiamo riuscire a rendere consapevoli tutti del fatto che restare uccisi o gravemente feriti in un incidente non è inevitabile e neanche una tragica fatalità: serve un impegno comune e una responsabilità condivisa da forze dell'ordine, istituzioni, costruttori e utenti della strada: in auto, a piedi, in bici, in moto", ha sottolineato Paolo Cestra, presidente Tispol.

Zero vittime per un giorno

La campagna europea è alla sua seconda edizione e sta già dando i primi frutti: l'anno scorso, sempre il 21 settembre, nei 31 paesi che hanno partecipato all'iniziativa si è registrato un calo medio delle vittime pari al 39% rispetto alla stessa giornata del 2015 (da 70 a 43 morti). Più in dettaglio, in 19 paesi, quel giorno, nessuno ha perso la vita sulle strade, in 8 nazioni si è registrata una riduzione e in altri 3, purtroppo, i deceduti per incidente sono aumentati rispetto al 21 settembre 2015. In Italia, i dati della Polizia stradale contano 2 morti e 72 feriti: non siamo a zero, ma è andata meglio dell'anno precedente (3 vittime e 108 persone ferite). 

"Certo, c'è ancora molto da fare", ha spiegato Roberto Sgalla, direttore Specialità della Polizia, tra cui la Stradale, "ma l'obiettivo del programma Edward non è un'utopia, piuttosto è una visione sul futuro: questa sfida si può vincere, a patto però di cambiare i comportamenti, altrimenti, vision zero resterà solo un'illusione".

Tag

Commissione europea  · Incidenti  · Polizia  · Unione europea  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

La giornata mondiale del ricordo di chi ha perso la vita in un incidente arriva alla 13edizione. Istituita dall'Onu nel 2005 si svolge con appuntamenti in ogni città

· di Redazione

Ancora troppi sinistri sulle strade d'Europa: secondo Etsc sarà difficile raggiungere il 50% di vittime in meno per il 2020. In Italia, i morti crescono dell'1,6%

· di Marina Fanara

La Polizia Stradale: giovani ancora tra i più esposti ai rischi sulle strade, serve più formazione. E' l'obiettivo di Edustrada, la piattaforma del Miur cui partecipa anche l'ACI

· di Marina Fanara

Al via la 15esima edizione di "Vacanze sicure", la campagna di controlli sullo stato dei pneumatici in Italia. La Polizia Stradale: "Italiani poco attenti"

· di Patrizia Licata

Limite di 80 chilometri orari sulle strade secondarie e sanzioni più severe per chi guida in stato di ebbrezza o col cellulare in mano: Parigi fa sul serio

· di Marina Fanara

Dopo il tragico incidente per distrazione sull'A21, i rappresentanti dell'autotrasporto chiedono incentivi per l'acquisto di nuovi Tir dotati di più tecnologia per la prevenzione

· di Redazione

L'Automobile Club mappa la rete viaria italiana. Nel 2016 queste sono le più a rischio per moto e auto sulla base di 36.885 incidenti rilevati su 55.000 chilometri

· di Marina Fanara

Così uno studio sulla sicurezza stradale di Dekra chiama la prima causa di incidenti mortali, sia a piedi che in auto. Che diminuiscono, ma non ancora abbastanza

· di Marina Fanara

Le stime sui sinistri di Polizia e Carabinieri dicono che il fenomeno è di nuovo in crescita. Aumentati i controlli, soprattutto per alcol e droga

· di Marina Fanara

Una giornata senza incidenti. Si chiama Edward ed è la campagna sulla sicurezza promossa dalle Polizie stradali d'Europa per la Settimana Ue della mobilità