Ultimo aggiornamento  17 novembre 2019 01:07

Cina sempre più elettrica.

Paolo Borgognone ·

Cambio di rotta in vista a Pechino. Secondo fonti citate da Bloomberg, il governo cinese starebbe pensando di lasciare mano libera ai grandi marchi auto stranieri di operare nel settore delle vetture elettriche, svincolandoli dall'obbligo di farlo attraverso joint venture paritarie con realtà industriali locali. 

Libero commercio 

Il cambiamento - che le stesse fonti rimaste anonime definiscono "epocale" - dovrebbe entrare in vigore dal prossimo anno in alcune zone di libero commercio nel Paese e non riguarderà gli accordi già stipulati. Finora, chi vuole entrare nel mercato cinese delle auto può farlo soltanto mettendo insieme al 50 per cento una società con un produttore locale, mentre già dal 2016 è possibile per compagnie straniere operare in totale autonomia nel settore della produzione di accumulatori e di motocicli.

Tra i nomi più importanti oggi impegnati a trovare la propria strada in Cina, ci sono Ford che starebbe esplorando la possibilità di trovare un accordo con Anhui Zohite Automobile Co., e Volkswagen che ha già chiuso il contratto con Anhui Jianghuai Automobile Group. 

Scenario in movimento 

Secondo gli osservatori internazionali, la decisione di Pechino - che deve essere comunque ancora presa ufficialmente e resa operativa  - potrebbe derivare da diversi fattori: intanto il desiderio del governo di dare una svolta alla politica di dipendenza dal petrolio, quasi tutto straniero. Si sta parlando anche in Cina - come già successo in alcuni Paesi europei come la Gran Bretagna e la Francia - di stabilire una data a partire dalla quale vietare la commercializzazione di auto nuove benzina o diesel.

Leader mondiali 

Altri motivi che spingerebbero i cinesi a cambiare rotta sarebbero la necessità di fare fronte al più presto al problema dell'inquinamento atmosferico e la convinzione di poter diventare un Paese trainante nel settore delle nuove tecnologie. 

Il governo di Pechino ha stabilito un ambizioso traguardo, il 20% della produzione totale di auto nuove entro il 2025 a batteria. Già dall'anno prossimo Pechino chiede alle Case di vendere almeno l'8% di elettriche.

Tag

Auto Elettrica  · Cina  · Ford  · Volkswagen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

Il governo premia le auto a batteria che vanno più lontano con una sola carica. Minimo devono essere in grado di percorrere 400 chilometri

· di Carlo Cimini

Volkswagen e Daimler vogliono costruire le future auto a batteria nel Paese orientale. Obiettivo per entrambe: 2 milioni di veicoli a basse emissioni entro il 2025

· di Carlo Cimini

L'azienda cinese di car sharing svilupperà, con gli svedesi di Nevs, una rete di ricarica aperta a tutti. Obiettivo, una flotta di un milione di auto nel 2020

· di Carlo Cimini

Sarà questa la produzione nel 2018, prevede Xu Heyi, presidente di Baic. Una crescita costante: 3 milioni entro il 2020, 7 milioni entro il 2025

· di Paolo Borgognone

Il governo di Pechino chiarisce le direttive in termini di auto a batteria. Dovranno essere il 10% del mercato nel 2019 e il 12% nel 2020. Nessun limite per il 2018

· di Patrizia Licata

Il 10% dei veicoli venduti nel paese asiatico dovrà essere a batteria nel 2018, si salirà al 20% nel 2025. Ma in vista c'è il bando totale di benzina e diesel

· di Roberto Sposini

Il Paese asiatico ha deciso di svoltare verso la mobilità elettrica. Il governo rilancia i suoi obiettivi e - come al solito - i numeri, sono da capogiro