Ultimo aggiornamento  26 aprile 2019 10:09

Alleanza per l'autonoma, guida Volkswagen.

Carlo Cimini ·

Raggiunto e annunciato il più grande accordo mai realizzato tra Case automobilistiche e altri soggetti del mondo della mobilità, per la cooperazione volta allo sviluppo della guida autonoma. Il programma di ricerca europeo si chiama L3Pilot e coinvolgerà 11 paesi e 14 produttori. Avrà la durata di quattro anni e a guidarlo sarà il gruppo Volkswagen.

Unione autonoma

Scopo principale dell'iniziativa è accelerare gli studi sulla guida autonoma. I test verranno condotti in 11 Paesi differenti; saranno inseriti nel sistema di trasporto pubblico 100 veicoli con tecnologia driverless di livello 3 e 4 con a bordo mille conducenti (a rotazione), così da testare la applicazioni della guida affidata all'intelligenza artificiale in condizioni reali. Verranno studiate le difficoltà che si incontrato nella applicazione pratica nel traffico quotidiano, di molte delle tecnologie più avanzate, per esempio in materia di parcheggio o di sorpasso, fino alla normale circolazione in città in condizioni di congestione. E' la prima volta che si cerca di fare uno studio di così largo respiro su tutti gli aspetti della guida senza conducente

A fianco di questo studio squisitamente tecnico, verranno analizzati anche i quadri normativi sia per i costruttori che per i proprietari delle vetture autonome. 

Sforzo comune

L’Unione Europea supporta L3Pilot con 36 milioni di euro, per un budget complessivo pari a 68 milioni nel corso dei prossimi quattro anni. Oltre a Volkswagen, hanno aderito all'iniziativa anche Audi, Bmw, Centro Ricerche Fiat Scpa, Daimler, Ford, Honda, Jaguar Land Rover, Opel, Psa, Renault, Toyota e Volvo.

Ma non sarà solo il mondo automotive a impegnarsi nel nuovo progetto presentato in Germania: ai nomi che abbiamo appena elencato vanno aggiunti tre fornitori internazionali specializzati (Autoliv, Delphi e Fev Group) e importantissimi istituti di ricerca e Università (German Aerospace Center - Dlr, Rwth Aachen University, Institute of Communication and Computer Systems - Iccs, Safer, Snf - Center for Applied Research at Nhh, University of Leeds, University of Warwick, Federal Highway Research Institute - Bast, Università di Genova, Vtt Technical Research Center of Finland e la Würzburger Institut für Verkehrswissenschaften), la Netherlands Vehicle Authority e alcune società assicurative, oltre alla Fia, federazione internazionale dell'automobile.

Per il futuro

“Siamo convinti che l’iniziativa di ricerca L3Pilot creerà una piattaforma completa e ben radicata per la concretizzazione della mobilità del futuro” ha affermato Aria Etemad, della divisione di ricerca Volkswagen, coordinatore del progetto. "La forte integrazione dell’intera industria automobilistica europea e il supporto scientifico e di esperti nel campo dei veicoli autonomi daranno slancio al programma e la porteranno al successo”.

Tag

FIA  · Guida Autonoma  · L3Pilot  · Volkswagen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Sergio Benvenuti

Il ceo Herbert Diess ammette la superiorità del colosso americano ma - grazie ai 44 miliardi di euro appena stanziati per l'innovazione - punta a raggiungerlo in 5 anni

· di Samuele Maria Tremigliozzi

I due colossi collaboreranno alla realizzazione di progetti per elettriche e robot. Possibile un investimento dei tedeschi in Argo, il partner per le autonome della Casa di Detroit

· di Sergio Benvenuti

Il marchio tedesco vuole rinnovare il proprio simbolo, in concomitanza con la "rivoluzione elettrica". Previsto anche un uso più massiccio dei social

· di Sergio Benvenuti

Il gruppo automobilistico tedesco, per la nuova generazione di auto a batteria, sta studiando il design minimalista dei prodotti Apple

· di Luca Gaietta

Hyundai e Volkswagen insieme alla start up Aurora di San Francisco per sviluppare la guida autonoma. E i coreani corrono anche sui robotaxi

· di Carlo Cimini

La Casa tedesca parteciperà alla prossima edizione della famosa cronoscalata tra le Montagne Rocciose in Colorado: la vettura sarà totalmente a batteria

· di Patrizia Licata

Il gruppo tedesco lavora sulla fabbrica del futuro: software, tecnologie digitali e sistemi automatizzati costruiranno le auto di domani. A fianco degli operai