Ultimo aggiornamento  15 dicembre 2018 07:40

Uber, a Londra solo elettriche o ibride.

Colin Frisell ·

Anche Uber vuole pulire l'aria di Londra. La società di ride hailing - il servizio di trasporto su auto private che fa concorrenza ai taxi - ha annunciato che a partire dal 2020 tutti i suoi veicoli nella capitale inglese dovranno essere ibridi o elettrici. A basse emissioni, insomma. 

Rivoluzione in 5 anni

A oggi la percentuale di guidatori londinesi del servizio Uber X che dispone di una di queste auto è inferiore al 50%, ma la app californiana ha fatto sapere che entro tre anni la percentuale dovrà raggiungere il 100%. Nelle altre grandi città inglesi, dove il numero di auto a basse emissioni in servizio è ancora più basso e i problemi riguardo la qualità dell'aria sono leggermente meno gravi, la tolleranza arriverà fino al 2022. Fra cinque anni, dunque, la rivoluzione dovrà essere completata. Anche le auto più potenti, quelle del servizio Uber XL, dovranno sottostare alle nuove regole. 

Fondo da 2 milioni

Secondo i calcoli della stessa Uber, saranno circa 40.000 a Londra i guidatori che dovranno cambiare auto. A loro verrà offerto un incentivo pari a circa 5.500 euro per l'acquisto di una vettura a basse emissioni. Per finanziarlo la società m metterà a disposizione un fondo da oltre 2 milioni di euro. Ma un contributo arriverà anche dai clienti: a partire da ottobre, infatti, tutti i viaggi dentro la città di Londra realizzati con Uber avranno un sovrapprezzo di circa 40 centesimi di euro che servirà a questo scopo. 

Incentivo ad hoc

Non solo i guidatori di vetture Uber beneficeranno di incentivi. La compagnia - che intanto ha messo in circolazione nella capitale 100 nuove Nissan Leaf dall'inizio dell'anno - avrebbe in mente anche di offrire un voucher pari a più di 1.600 euro a tutti i possessori di vecchie auto di prima del 2005 per convincerli a liberarsene e a utilizzare il ride hailing in sostituzione. 

La rivoluzione della mobilità a Londra riguarda anche il tradizionale servizio taxi: a partire dal 1 gennaio 2018 tutti i nuovi "black cabs" che entreranno in servizio nella capitale britannica dovranno essere a batteria. 

Tag

Londra  · Ride Hailing  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

Per la società di ride hailing, il 30 settembre scade la licenza di operare nella capitale inglese: 10 parlamentari contro il rinnovo, che comunque potrebbe costare molto salato

· di Colin Frisell

Il sindaco della capitale inglese stanzia 5 milioni di euro per mettere in funzione 1.500 nuovi punti di ricarica in città entro il prossimo anno

· di Colin Frisell

La compagnia di taxi della capitale inglese presenta il nuovo modello a batteria. Da gennaio 2018 nessuna nuova licenza per i veicoli diesel