Ultimo aggiornamento  18 agosto 2018 16:47

Puglia: 1.500 euro per la ricarica in casa.

Marina Fanara ·

La Puglia ha le idee chiare sull'elettrico: dopo aver pianificato l'installazione di infrastrutture pubbliche di ricarica sull'intero territorio (si parte da Bari con 170 nuove colonnine in città e provincia), ora la Regione ha approvato un primo stanziamento di 50 mila euro per incentivare i privati a dotarsi di un impianto domestico per il rifornimento dei veicoli a batteria. Condizione indispensabile per accedere al benefit è che l'impianto stesso sia completamente green, in grado cioè di fornire energia prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili.

Ricarica pulita al 100%

Il provvedimento è stato approvato dalla Giunta regionale e prevede un contributo pari all'80% (con un tetto massimo di 1.500 euro) delle spese sostenute dal singolo cittadino per l'acquisto e l'installazione di una wall box domestica o una colonnina condominiale anche dotata di più prese. "Siamo soddisfatti che la Giunta abbia varato questo intervento importantissimo per la mobilità sostenibile", ha sottolineato Antonio Trevisi, il consigliere regionale che ha proposto e fortemente voluto l'incentivo, "Si tratta di una misura in linea con il nostro obiettivo a favore dell'ambiente che prevede non solo l'utilizzo sempre più massiccio di carburanti alternativi, ma anche la produzione di energia da rinnovabili che significa l'abbandono dei combustibili fossili".

La Regione paga le spese 

L'incentivo, passato sotto forma di emendamento alla legge regionale di stabilità 2017, sarà erogato tramite avviso pubblico che, stando a quanto dichiarato dalla Giunta pugliese, verrà predisposto "non appena saranno formalizzati gli adempimenti burocratico-finanziari necessari". "Si tratta di un altro tassello importante per la modernizzazione della nostra Regione", aggiunge il consigliere Trevisi, "conciliare l'utilizzo di veicoli elettrici e l'autoproduzione di energia da fonti rinnovabili per la ricarica degli stessi ci permetterà di ottenere un impatto ancora più significativo a vantaggio dell'intera collettività: favorire la diffusione delle auto a batteria e contribuire alla riduzione dello smog".

Il piano Puglia per l'ambiente

La Regione, nei mesi scorsi, ha dettato una serie di linee guida per affiancare i propri comuni e aiutarli a elaborare i Piani urbani di mobilità sostenibile integrati e uniformi sull'intero territorio, anche grazie a 12 milioni di euro di risorse comunitarie assegnati al Por (Piano organico regionale) dai Fondi europei per lo sviluppo (Fers). Obiettivo prioritario della strategia è disincentivare l'uso dell'auto privata attraverso l'incremento di mezzi pubblici, bici e ciclabili, sistemi intelligenti per la gestione del traffico e, appunto, maggiore diffusione di veicoli a impatto zero.

"In questo senso", conclude il consigliere regionale, "lo sviluppo delle reti infrastrutturali per la ricarica è particolarmente utile, soprattutto nelle aree urbane più popolose e in cui si verificano i maggiori spostamenti da e per il luogo di lavoro. Per questo, a fianco delle colonnine di ricarica su strada con un primo lotto di 170 in provincia di Bari, abbiamo deciso di mobilitare i comuni cittadini con l'incentivo all'elettrico in casa". 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Il Comune sigla un accordo con Enel X per l'installazione di due nuove colonnine di ricarica. A breve, se ne aggiungeranno altre due

· di Marina Fanara

La regione del sud detta le linee per la mobilità sostenibile nelle città: mezzi pubblici, semafori intelligenti, ciclabili e colonnine. Disponibili 12 milioni di fondi europei

· di Redazione

Dopo Milano e Torino, anche Bari avrà entro l'estate il suo corridoio elettrico lungo il quale saranno installate 50 colonnine distribuite tra i 21 centri dell'hinterland