Ultimo aggiornamento  17 febbraio 2019 01:34

VenTo fa tappa a Milano.

Marina Fanara ·

Milano non sarà esclusa dal tragitto di VenTo, la ciclovia più lunga d'Italia, ma diventa tappa importante della pista ciclabile che collega Venezia a Torino, costeggiando il Po. Regione ed enti locali lombardi, infatti, sono riusciti a far inserire nel progetto una deviazione a Parma e nel capoluogo meneghino che segue il Naviglio Pavese, fino alla Darsena, appunto, di Milano.

La Regione paga la metà

A Palazzo Marino, sede del Comune, i tecnici sono al lavoro per realizzare al più presto il progetto da sottoporre, entro il prossimo 30 settembre, alla Regione Lombardia per ottenere la metà delle risorse necessarie alla realizzazione del tratto milanese della ciclovia che, tra l'altro, farà parte integrante della rete di piste ciclabili già esistente in città. A sua volta, la Regione può contare su circa 2 milioni di euro che il governo ha stanziato per migliorare la sicurezza di ciclisti e pedoni sul territorio, compresa la costruzione di nuove piste.

In bici dal Po al Duomo

La tratta milanese di VenTo costerà circa 1,5 milioni di euro, i tempi di realizzazione si aggirano intorno ai 3 anni e mezzo. L'assessore alla Mobilità, Marco Granelli, si dice soddisfatto: "Siamo riusciti a fare parte del progetto con un percorso che sarà integrato alle piste ciclabili che si collegano al centro. Questa nuova opera è coerente alla strategia che abbiamo tracciato nel nostro Piano urbano per la mobilità sostenibile e che punta a una rete di percorsi ciclabili interconnessi tra loro e a tutte le altre infrastrutture cittadine. Una rete che con VenTo si snoderà fuori dai nostri confini allargandosi a due importanti città del nord, come Venezia e Torino". 

La pista più lunga d'Italia 

Progettata dal Politecnico di Milano, VenTo sarà la pista ciclabile più lunga d'Italia (679 chilometri in tutto) e una delle più estese d'Europa. Il costo stimato è intorno ai 100 milioni di euro di cui la maggior parte (79 milioni) saranno necessari per la costruzione ex novo di 293 chilometri di piste, mentre la parte restante del tracciato o è già pedalabile o necessita solo di interventi di adeguamento. L'infrastruttura fa parte del sistema di ciclovie nazionali decise dal governo, alla quale, insieme alla Ciclovia del Sole, dell'Acquedotto pugliese e del Grab, sono stati assegnati 92 milioni di euro di pre-finanziamento per il triennio 2016-2018.

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Con la gara d'appalto, la ciclovia più lunga d'Italia si avvia a diventare realtà: 679 chilometri di pista, attraverso 4 regioni, 12 province e 121 comuni

· di Marina Fanara

Nel capoluogo lombardo contravvenzioni in aumento ai ciclisti. La Fiab: "Legge uguale per tutti, a patto di garantire sicurezza ai più deboli"

· di Marina Fanara

Con i fondi per i progetti di fattibilità, il ministro Infrastrutture e trasporti dà il via alle prime grandi ciclabili del Paese. Fiab: ora anche nuove regole sulla mobilità

· di Marina Fanara

Sostenibilità: il Comune potenzia la rete ciclabile, oggi lunga 220 chilometri, e punta a estendere le zone 30 e le aree pedonali