Ultimo aggiornamento  20 agosto 2019 06:10

Como, in moto sull'acqua.

Antonio Vitillo ·

Luca Colombo ha percorso per la prima volta uno specchio d’acqua dolce in sella ad una moto. Il singolare record mondiale è stato stabilito sul lago di Como, su una distanza di 5,5 chilometri, che separa le rive fra Gravedona e Colico. Equivalenti a circa 5 minuti di traversata, compiuta alla velocità di 75 chilometri all'ora, circa 40 nodi.

Impresa da guinness

Per iscrivere il proprio nome nel Guinness dei primati, Colombo ha utilizzato una moto da cross, una Suzuki 450 con motore a quattro tempi che i preparatori Carlo Gelmi e Giorgio Lumini avevano dotato di speciali pattini di galleggiamento. Così equipaggiata, pilota compreso, la moto è arrivata a pesare 230 chili, massa che per essere lanciata in planata ha avuto bisogno della spinta idrodinamica di particolari pneumatici dotati di pale, accorgimento che ha sfruttato un principio simile a quello delle ruote dei vecchi battelli a vapore. L’impresa, tuttavia, non è stata facile, a causa di alcune onde di scia alzate da piccole barche e praticanti di sci nautico. Problema che, in alcuni momenti, ha costretto Colombo a decelerare la planata per mantenere il già difficile equilibrio.

Tecnologia e sicurezza

La profondità del lago, lungo la linea di attraversamento, ha raggiunto anche i 250 metri. Anche per questo si è dotata la moto di un dispositivo che, in caso di perdita di potenza del motore, si sarebbe autogonfiato, sorreggendola a galla. Mentre il pilota ha indossato il Kingii Wearable, probabilmente il più piccolo salvagente automatico da polso. Come non è mancato l’appoggio di piccoli natanti da soccorso, i Brp Sea Doo Spark, moto d’acqua di ultima generazione, progettate per interventi di emergenza in acque fluviali ed alluvionali, e capaci di trasportare fino a tre persone. Fortunatamente non ce n’è stato bisogno, è stato record.

Tag

Como  · Due ruote  · Kingii Wearable  · Suzuki  · 

Ti potrebbe interessare