Ultimo aggiornamento  18 settembre 2019 12:12

Auto robot: l'India dice no.

Redazione ·

L'India dice no alle auto autonome. Il loro sviluppo, perseguito praticamente in tutto il mondo - dal Giappone agli Usa, passando per l'Europa -  rischierebbe di danneggiare l'economia del fragile gigante asiatico - 1 miliardo e trecento milioni di abitanti -  soprattutto in termini di posti di lavoro. 

Driverless? No grazie

Lo ha detto chiaramente al giornale Times of India, Nitin Gadkari, Ministro dei Trasporti del governo di New Delhi. "Non consentiremo le auto autonome in India. Non accetteremo alcuna innovazione che sottragga opportunità ai lavoratori indiani. In un Paese dove c'è poca occupazione non ci si possono permettere tecnologie come questa che - oltretutto - va contro gli sforzi del governo di creare nuovi posti di lavoro". 

Elettrico solo fatto in casa

La furia di Gadkari contro gli sviluppi tecnologici che stanno, al contrario, creando grandi aspettative in tutto il resto del pianeta, non si ferma all'intelligenza artificiale alla guida, ma coinvolge anche le vetture elettriche. "Non daremo alcun incentivo fiscale all'importazione di auto a batteria - ha detto ancora il ministro - ma ne permetteremo la costruzione nel nostro Paese. Chi vuole impiantare le proprie fabbriche qui è il benvenuto. Niente sgravi per chi vuole importarle". 

Tag

Auto Elettrica  · Auto robot  · India  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

300 studenti e 5 professori dell'università di Phagwara hanno realizzato un mezzo robot spinto dall'energia solare. Trasporta fino a 15 passeggeri senza fermarsi mai

· di Carlo Cimini

La start up indiana ha realizzato una tecnologia che implementa la guida driverless di livello 3 su qualsiasi camion: l'azienda assicura stessi risultati e bassi costi

· di Carlo Cimini

La Casa di New Delhi, di proprietà Suzuki, entro due anni porterà sul mercato interno il primo veicolo totalmente a batteria in accordo con Toyota

· di Redazione

La supercar 2 posti di Tata parla anche la nostra lingua: l'apertura verticale delle portiere è realizzata nel centro studi di Torino. Collaborazione anche con Microsoft

· di Redazione

Risultati scioccanti per la sicurezza di 5 nuovi modelli dei marchi leader del mercato. Global NCAP: "Sono fuori dagli standard minimi"