Ultimo aggiornamento  20 maggio 2019 06:22

Aston Martin sfida Tesla.

Colin Frisell ·

A meno di due anni dalla presentazione come concept, la RapidE assume il ruolo in modo ufficiale di diventare la prima vettura a batteria del marchio inglese Aston Martin. Il debutto è previsto nel 2019. Ad annunciarlo è stato direttamente il Ceo Andy Palmer, che ha anche confermato che l'auto avrà una produzione limitata a 155 esemplari e un prezzo indicativo di oltre 260 mila euro. Zero emissioni per pochi.

Autonomia da 320 chilometri

Aston Martin svilupperà la RapidE in collaborazione con la Williams Advanced Engineering, l'azienda di Grove, nell'Oxfordshire, che già aveva lavorato al concept e attiva anche in Formula 1. Quattro porte e basata sulla Rapide versione Amr, il motore sei litri con 12 cilindri a V sarà sostituito da un propulsore 100 per 100 elettrico, le cui caratteristiche non sono state ancora diffuse. Comunicati invece i dettagli sulle prestazioni: velocità massima autolimitata di 250 chilometri orari, una accelerazione da 0 a 100 in meno di tre secondi e un'autonomia - promessa dalla Casa - di 320 chilometri.

Made in Galles

L'impianto di produzione per la RapidE dovrebbe essere quello St Athens, in Galles. Il primo modello a batteria del marchio si inserisce nella strategia di marketing chiamata "Second Century Plan" che vuole contrastare l'influenza della Case straniere sul mercato delle elettriche sportive e premium, con particolare attenzione alla politica aggressiva di Tesla. Parlando della nuova scommessa di Aston Martin, Palmer ha detto, "mettere in produzione la RapidE, soltanto due anni dopo averla annunciata come concept è il simbolo di un futuro sostenibile, nel quale i valori della nostra azienda, stile seduttivo e performance di livello, non sopravvivono accanto allo sviluppo delle auto elettriche, ma ne sono parte integrante". 

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

La Casa di lusso britannica lancia il programma Ev Heritage che dal 2019 permetterà di elettrificare i suoi modelli d’epoca. La prima è una DB6 Volante

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Il costruttore britannico prepara le carte per lo sbarco in borsa, lo svedese invece tira il freno e rimanda a data da destinarsi: le ragioni di due scelte opposte

· di Carlo Cimini

L'azienda nata in California ma con capitali orientali sfida Musk sul suo territorio: auto elettriche di lusso. I primi due saranno suv ad alte prestazioni

· di Valerio Antonini

Il magnate Kirs Singh amplia la sua collezione di hypercar: una Aston Martin cromata con granelli di sabbia prelevati dalla superficie lunare. Prezzo stellare

· di Paolo Odinzov

Come sarà la supercar del marchio di Gaydon, sul mercato nel 2020. Una sfida alle auto esclusive di Maranello e di Stoccarda

· di Enrico Artifoni

Il marchio inglese ha chiuso il primo trimestre 2017 in positivo. Non succedeva da 10 anni. Effettuate il 75% di consegne in più rispetto a un anno fa

· di Colin Frisell

E' la durata del video con il quale il marchio inglese festeggia la prossima apertura della nuova fabbrica in Galles. Protagoniste le auto più belle. E non solo