Ultimo aggiornamento  18 novembre 2018 21:21

Sardegna, isola elettrica e smart.

Marina Fanara ·

Per l'assessore all'Industria della Regione Sardegna, Maria Grazia Piras, "l'isola è pronta ad affrontare la sfida dell'elettrico". Per questo si è battuta per dotarla di un piano ad hoc che ha appena ricevuto il via libera in giunta e che ha stanziato 15 milioni di euro. Risorse che fanno parte del Patto con la Sardegna siglato col governo e che sono destinate a finanziare l'acquisto di veicoli a batteria al servizio degli enti locali e delle imprese, a installare una rete di infrastrutture di ricarica in tutto il territorio, isole minori comprese, e a realizzare sistemi integrati per informatizzare e gestire i punti di rifornimento ed erogare servizi di infomobilità.

Grandi città alla ricarica

Il Piano, denominato "Programma di integrazione per la mobilità elettrica", prevede, innanzitutto, l'installazione di colonnine nei grandi agglomerati urbani: Città metropolitana di Cagliari, Rete metropolitana di Sassari e Reti urbane rispettivamente di Olbia, Nuoro e Oristano. In queste aree si concentra il maggior numero di abitanti dell'isola: oltre 865 mila residenti, ovvero il 52% dell'intera regione, che generano il 75% degli spostamenti quotidiani. Anche fuori dalle città saranno realizzati centri di rifornimento, in particolare lungo le arterie a più alta percorrenza: le statali 131 Carlo Felice (Cagliari-Porto Torres), la 131 Dcn (Diramazione centrale nuorese che dalla Carlo Felice si dirige verso Nuoro e Olbia) e la 130 Iglesiente (da Cagliari all'area sud occidentale dell'isola nel territorio di Iglesias).  

Isole minori banco di prova

"Oltre ai grandi centri urbani e alle statali più transitate", specifica l'assessore, "verranno coinvolte anche le isole minori: La Maddalena, Carloforte, Sant'Antioco, Asinara. Località gettonatissime, che durante la bella stagione si riempiono di turisti, mettendo la dura prova la sostenibilità del territorio. Si tratta di ambiti ristretti che, proprio per le loro caratteristiche ambientali e turistiche, sono l'ideale per sperimentare progetti pilota di mobilità elettrica, inseriti in reti intelligenti e di infomobilità, che potrebbero diventare un modello sia a livello regionale che locale".

650 colonnine in 3 anni

In dettaglio, dei 15 milioni di cui dispone il Programma, 10 milioni sono destinati all'acquisto di veicoli elettrici da parte degli enti locali, ma la parte più consistente di queste risorse, fanno intendere in Regione, saranno utilizzati per le infrastrutture di ricarica: se ne prevedono almeno 650 da qui al 2020, di cui 50 super veloci (con potenza oltre i 22 chilowatt in grado di rifornire l'80% della batteria in 30 minuti), 300 di media intensità (tra i 7 e i 22 chilowatt e circa 2-3 ore per la ricarica) e ulteriori 300 in modalità standard (meno di 7 chilowatt e intorno alle 8 ore per fare il pieno).

Aiuti alle imprese green

I restanti 5 milioni di fondi saranno spesi per aiutare le imprese a diventare più green. "In questo percorso", spiega Maria Grazia Piras, "vogliamo lavorare con i gestori del car sharing, ma anche con le strutture alberghiere, le compagnie di taxi, le aziende del trasporto merci propense ad adottare forme di mobilità in grado di abbattere l'inquinamento". Quanto ai tempi: "I bandi verranno lanciati entro l'anno", promette l'assessore, "dobbiamo fare in modo che, prima possibile, chi abita o visita la Sardegna possa spostarsi a zero emissioni e a prezzi accettabili, come l'auto elettrica, possibilmente utilizzando energia da fonti rinnovabili. L'obiettivo è dare l'idea di essere un'isola attenta alla salute, all'ambiente, all'avanguardia in Italia e in Europa".

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Accordo tra Regione e i principali comuni dell'isola per l'istallazione di 650 colonnine. Quattro milioni in incentivi alle imprese per l'acquisto di veicoli a batteria

· di Marina Fanara

La sfida del comune sardo: meno auto e più spazio alle persone. Via a una grande ciclabile, al bike sharing elettrico e a nuove modalità nei percorsi casa-scuola e casa-lavoro

· di Marina Fanara

In collaborazione con Bmw, si aggiungono altre due stazioni di ricarica per i veicoli elettrici. Il sindaco: "Vogliamo auto più pulite e una città totalmente ciclabile"

· di Marina Fanara

La Provincia vara un Piano per l'elettrico da 21 milioni: fino a 4.000 euro di bonus per chi acquista un veicolo a batteria e 2.500 colonnine entro il 2025

· di Marina Fanara

La denuncia è della Corte dei Conti: dopo quattro anni, il piano per le infrastrutture di ricarica del ministero delle Infrastrutture e trasporti non è ancora stato avviato