Ultimo aggiornamento  24 agosto 2019 20:32

Guida autonoma, business da 7 mila miliardi.

Patrizia Licata ·

Da 800 miliardi di dollari nel 2035 a 7.000 miliardi nel 2050: per l'auto senza conducente si prefigura un vero boom, secondo uno studio condotto dal colosso dei chip Intel insieme alla società di ricerche Strategy Analytics. Non si tratta del mero valore delle automobili automatizzate, ma di un intero settore industriale che Intel chiama "passenger economy".

Il ride hailing del futuro

Nel calcolo di Intel entra soprattutto il valore generato dai servizi per persone che non sono più conducenti ma passeggeri. Per esempio, le auto driverless saranno usate nel ride hailing (per intenderci Uber) di prossima generazione: è la mobilità come servizio per i consumatori (in contrapposizione all'uso di veicoli di proprietà) che produrrà un giro d'affari di 3.700 miliardi di dollari. La mobilità come servizio sarà utilizzata anche dalle imprese per la logistica e la consegna delle merci: varrà 3.000 miliardi di dollari nel 2050.

Business itineranti

Il report aggiunge al calcolo 200 miliardi di dollari generati da utilizzi del tutto nuovi permessi dai mezzi senza pilota in settori come la sanità (con piccole cliniche itineranti), ma anche ristoranti fast-food o parrucchieri che utilizzeranno per le loro attività i veicoli automatizzati. Secondo Intel e Strategy Analytics dobbiamo aspettarci applicazioni delle tecnologie driverless che ora non riusciamo neanche ad immaginare. 

Più sicurezza, meno lavoro

Automatizzare tanti spostamenti renderà il traffico prevedibile e i viaggi più sicuri: almeno 585.000 morti su strada saranno evitate fra il 2035 e il 2045. Al tempo stesso, l'era driverless causerà radicali cambiamenti in molti settori economici. Il mestiere dell'autista potrebbe sparire, mentre le case automobilistiche dovranno modificare la loro produzione; nasceranno però anche imprese che offriranno servizi per la "passenger economy", come film di durata compatibile con uno spostamento in macchina o distributori automatici di bevande... in movimento.

Code di auto-robot

Un commento di Fortune - la rivista di business che ha analizzato lo studio di Intel - fa tuttavia notare che una diffusione capillare delle auto driverless potrebbe avere conseguenze opposte da quelle indicate dalla ricerca. Intel calcola che i veicoli senza conducente ci aiuteranno a risparmiare 250 milioni di ore di spostamenti casa-lavoro ogni anno nelle città più congestionate; tuttavia non è da escludere che entri in gioco il cosiddetto paradosso di Jevons per cui, se davvero le auto autonome renderanno più comodo e sicuro viaggiare, più persone le useranno per spostarsi, anche su grandi distanze. Questo potrebbe fare aumentare traffico, pur se soprattutto di ordinate auto robot, e noi passeremmo ancora più tempo seduti in macchina. Punti di vista.

Tag

Auto robot  · Intel  · Intelligenza artificiale  · Ride Hailing  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

NuTonomy, la start up di Boston, farà partire un servizio commerciale nella smart city asiatica in alleanza con Grab, la rivale locale di Uber

· di Paolo Odinzov

Una ricerca della Bosch ha evidenziato le preferenze degli automobilisti riguardo all'impiego delle vetture automatizzata. Al primo posto viaggi e parcheggi

· di Redazione

Due dottorandi di Berkeley propongono di riservare una parte della carreggiata autostradale per far sfrecciare a 200 all'ora le auto senza pilota umano

· di Redazione

Il colosso telematico di Santa Clara mette sul piatto 250 milioni di dollari in due anni: obiettivo, un ulteriore sviluppo della guida autonoma