Ultimo aggiornamento  22 marzo 2019 11:24

Cabrio, aperta verso il futuro.

Luca Gaietta ·

Una cabriolet che si apre anche in movimento fino a 120 chilometri orari: è l’ultima novità in Casa DS per conquistare gli amanti delle auto scoperte. Si tratta della DS3 Cabrio Performance: equipaggiata con un tetto realizzato in materiale composito, dotato uno strato interno acrilico, e di un deflettore aerodinamico pronto all’occorrenza a uscire per eliminare fastidiosi fruscii quando si viaggia con il vento che accarezza i capelli.

Si piega e lascia spazio

Oltre a permettere, grazie ad un meccanismo studiato ad hoc, l’apertura mentre si marcia quasi a velocità autostradale, questo consente la massima insonorizzazione e un elevato isolamento termico dell’abitacolo. Tutto con impatto minimo sulla capacità di carico della DS3 Cabrio Performance che arriva a 245 litri, facendo la felicità di chi vuole partire, portandosi dietro bagagli e valigie, guidando una convertibile con una capote morbida.

In tela o con il tetto rigido?

Oggi le automobili cabriolet spaccano la mela in due. Da una parte ci sono i puristi, quelli che preferiscono i modelli con la tradizionale copertura in tela, che tanto ricordano le spider di una volta: come ad esempio le mitiche inglesi Mg e Triumph. Dall’altra c’è chi sceglie le più moderne cabriolet con il tetto rigido: la prima della categoria è stata la Peugeot 401 Eclipse, presentata al Salone di Parigi del 1934 e creata per volontà di un dentista francese, Georges Paulin, e del concessionario parigino Darl'Mat.

Capolavori di ingegneria

Ambedue i tipi di copertura si sono evoluti profondamente nel tempo. Perfezionandosi non solo nel meccanismo di apertura ma anche nei materiali utilizzati per la realizzazione. Se la capote della DS3 Performance è un esempio di come l'elemento in “stoffa” sia diventato un vero capolavoro di ingegneria, i tetti rigidi a scomparsa - in vetro o addirittura in carbonio o in lamiera di allumino - rendono le più moderne auto per viaggiare en plein air delle vetture alla dottor Jekyll e di mister Hyde, in grado di celare perfino la loro anima “aperta” dietro le fattezze di una berlina.

Tag

Cabriolet  · DS3  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marco Perugini

Performance Line GT, il nuovo allestimento del marchio francese creato da designer, ingegneri e divisione sport per DS3, DS3 Cabrio, DS4 e DS5