Ultimo aggiornamento  20 giugno 2019 11:29

Bus elettrici, la Cina cambia marcia.

Gloria Smith ·

Benzina e diesel addio: per gli autobus e i taxi di Guangzhou, nel sud della Cina, è partita l'ora del trasporto "green". Tutti i mezzi pubblici, oggi alimentati con carburanti di origine fossile, verranno sostituiti da veicoli cento per cento elettrici entro il 2020. Non è un cambiamento da poco: Guangzhou è una metropoli di oltre 13 milioni di abitanti che conta 30.000 autobus e taxi in servizio. Che fra tre anni saranno a zero emissioni. 

Colonnine ovunque

C'è di più: la città sta studiando un piano di incentivi rivolto ai privati per l'acquisto di veicoli a batteria. Si va da prezzi scontati presso le concessionarie e le officine a nuovi punti di ricarica (ne sono previsti 100.000 entro il 2020). Inoltre il 30% degli spazi di sosta negli uffici, nei centri commerciali e nei ristoranti dovrà essere dotato di colonnine. Con stimoli del genere, le autorità di Guangzhou si attendono 120.000 auto elettriche private in circolazione entro il 2020.

Meno polveri sottili

Nota in passato col nome di Canton, Guangzhou è la città principale della provincia del Guangdong e uno dei maggiori porti della Cina, oltre che un'attrazione turistica grazie ad avveniristiche architetture come l'Opera House di Zaha Hadid. È anche una delle città cinesi che ha compiuto più progressi nella lotta alle polveri sottili: uno studio condotto dall'Università di Pechino ha mostrato che la concentrazione di Pm 2.5 a Guangzhou è diminuita da 54 microgrammi per metro cubo nel 2013 a 39 microgrammi nel 2016, una riduzione che avvicina ai limiti massimi indicati dall'Organizzazione mondiale della sanità (35 microgrammi per metro cubo).

Un primato a batteria

Non tutte le città cinesi hanno ottenuto gli stessi risultati di Guangzhou in fatto di lotta alle polveri sottili, ma i veicoli a zero emissioni sono entrati nelle politiche di molte amministrazioni locali: nel 2016 in Cina sono stati venduti quasi 116.000 autobus cento per cento elettrici, pari al 20% di tutti i bus che circolano nel Paese e in 10 anni tutti i mezzi pubblici saranno a zero emissioni. Anche nei trasporti "green" la Tigre asiatica ruggisce davvero forte.

Tag

Autobus elettrici  · Cina  · Guangzhou  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

L'auto appartenuta al leader cinese Mao verrà riprodotta grazie all'accordo tra il costruttore statale Faw e il colosso Byton. Sarà a batteria

· di Carlo Cimini

Nel Paese asiatico le vendite dei modelli elettrificati segnano un +51% rispetto allo scorso anno. Tanti acquirenti attratti anche dai sussidi governativi

· di Carlo Cimini

Volkswagen e Daimler vogliono costruire le future auto a batteria nel Paese orientale. Obiettivo per entrambe: 2 milioni di veicoli a basse emissioni entro il 2025

· di Redazione

Accordo tra due grandi società cinesi per la produzione di mezzi pubblici a impatto zero. Investimento totale da oltre 60 milioni di euro

· di Valerio Antonini

La compagnia Usa di trasporti pubblici sostenibili sta sviluppando un sistema driverless per i suoi mezzi a batteria. Finanziamenti da Bmw e dall'ex vice presidente Al Gore

· di Paolo Borgognone

Secondo i media di Pechino, nel 2017 saranno venduti nel Paese 800.000 veicoli ibridi ed elettrici nonostante gli incentivi siano stati ridotti del 20%