Ultimo aggiornamento  23 marzo 2019 05:17

Messico, verso i taxi elettrici.

Redazione ·

Spesso una densa nube di inquinamento atmosferico aleggia su Città del Messico, una delle più grandi metropoli del mondo. Anche per questo Giant Motors, la Casa automobilistica di cui è azionista il miliardario messicano Carlos Slim, sta lavorando su un prototipo di taxi elettrico che sostituisca i veicoli a combustione, garantendo alla gigantesca città, che conta oggi circa 20 milioni di abitanti e all'incirca 5 milioni e mezzo di vetture in strada ogni giorno, un servizio di trasporto a pagamento maggiormente eco sostenibile.

Più autonomia

La sfida lanciata dalla Giant riguarda, soprattutto, la creazione di un sistema innovativo di ricarica rapida degli accumulatori per favorire una maggiore autonomia. Nel corso degli ultimi, anni l'azienda di Slim - in collaborazione con il produttore di veicoli elettrici Moldex - ha sviluppato e venduto 500 mezzi leggeri per l'autotrasporto a batteria, in grado di gestire un carico fino a una tonnellata e con un raggio di azione che raggiunge i 100 chilometri.

Entro fine anno

Inizialmente l'azienda si concentrerà sulle vendita nel mercato interno, con un occhio vigile verso gli altri Paesi dell'America Latina. Giant, per realizzare lil suo futuro taxi elettrico, si avvale anche del sostegno di quattro università messicane, consorziate nella ricerca e nello sviluppo dell'innovazione. Elias Massri, amministratore delegato di Giant Motors, ha dichiarato: "Stiamo lavorando alle auto del futuro: la speranza è quella di tirare le somme entro il 2017, per trovare finalmente una soluzione all'inquinamento causato dai mezzi a combustione tradizionale".

Tag

Auto Elettrica  · Città del Messico  · Messico  · Taxi  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Londra, Parigi, Stoccarda, ma anche Milano, Torino e Roma: ecco tutte le restrizioni alla circolazione dei veicoli a gasolio nei centri urbani europei