Ultimo aggiornamento  20 aprile 2019 12:31

Torino 4.0 punta all'elettrico.

Marina Fanara ·

Un tour di 6.500 chilometri a bordo di vetture elettriche di ultima generazione che, dallo scorso 25 aprile al prossimo 10 maggio, tocca 12 città di 10 paesi europei. E' la seconda edizione dello Europe electric vehicle road trip, un viaggio per testare la disponibilità dei cittadini a utilizzare veicoli a zero impatto e indirizzarli verso forme di mobilità sostenibile. Il tour è organizzato da Escp, la Business school europea composta da sei campus, cinque dei quali (Londra, Madrid, Torino, Berlino e Parigi) sono stati coinvolti in questo programma di smart mobiilty.

Il progetto Torino eco-mobile

Anche quest'anno, la tappa italiana del tour è Torino dove, dal 2 al 4 maggio, chiunque fosse interessato potrà provare una delle Renaut Zoe e Tesla Model S messe a disposizione del pubblico. L'appuntamento nella Città della Mole, che è al terzo posto nella classifica di Euromobility sulle città più eco-mobili d'Italia, è dedicato al tema della smart city e del trasporto intelligente e organizzato dal Comune che, proprio in questo periodo, sta lavorando su un progetto ad ampio respiro per migliorare la qualità della vita urbana.

In programma incentivi e start up

"L'evento", riferiscono al Comune, "non solo testimonia come sia ormai possibile  spostarsi in tutta Europa a emissioni zero, ma dimostra anche la necessità  di trovare un equilibrio tra ciò che i governi e le città possono fare per promuovere infrastrutture al servizio della mobilità sostenibile, varare un sistema di incentivi per l'acquisto di veicoli verdi e supportare nascita e sviluppo di start up nel settore green automotive".

L'assessore: il futuro è smart

"Tutte le tecnologie che coinvolgono il cittadino a impegnarsi in comportamenti positivi", ha specificato Paola Pisano, assessore all'Innovazione e alla Smart city del capoluogo piemontese, "rispettando l'ambiente, diminuendo gli sprechi e sviluppando nuove competenze, trovano in Torino terreno fertile e produttivo. I veicoli elettrici rispecchiano una tecnologia innovativa e positiva sulla quale stiamo già puntando".

L'assessore ha annunciato, per esempio, l'entrata in servizio, entro la prossima estate, di 20 bus elettrici e un sistema per incrociare i dati provenienti da Infloblu e dalle scatole nere delle auto di un campione di automobilisti per avere informazioni utili su traffico, abitudini di spostamento dei torinesi, qualità dell'aria. L'obiettivo è rivoluzionare la mobilità e incentivare mezzi pubblici, car sharing elettrico e nuovi modi per la consegna delle merci nel cosiddetto "ultimo miglio". 

Ti potrebbe interessare

· di Stefania Spaziani

Ergonomia e big data nel progetto di Fiat - Chrysler “La fabbrica si misura” 4.0 portato avanti in collaborazione con Inail e Politecnico di Torino

· di Marina Fanara

I punti di ricarica installati da Bluetorino, gestore del car sharing elettrico in città, aperti a tutti. Un pieno costa 4 euro l'ora, ma bisogna sottoscrivere l'abbonamento

· di Marina Fanara

Pass gratuiti e ingresso illimitato per i veicoli a batteria. Sconto del 50% per ibride e bifuel. L'assessore Lapietra: "Presto altri benefit alle auto pulite"

· di Marina Fanara

Si chiama Wetaxi la piattaforma sviluppata da un gruppo di ricercatori del Politecnico: permette di prenotare e pagare con l'app una corsa condivisa a tariffe ridotte

· di Marina Fanara

Con l'acquisto di 20 e-bus e 10 nuovi tram, il capoluogo piemontese potenzia la flotta di veicoli elettrici per rendere più sostenibile il trasporto pubblico

· di Marina Fanara

Sull'esempio della capitale francese, il capoluogo piemontese vara limitazioni al traffico contro l'emergenza inquinamento fino al blocco totale delle diesel