Ultimo aggiornamento  02 luglio 2020 08:12

Aston Martin, la storia in 6 minuti.

Colin Frisell ·

LONDRA - Un video per ripercorrere, col sorriso sulle labbra, i 104 anni della propria storia e presentare al pubblico il nuovo impianto che vedrà - a partire dal 2019 - la nascita del primo suv del marchio: Aston Martin ha deciso di festeggiare così l'investimento per il suo nuovo impianto, una ex zona militare a St Athan, nel sud del Galles, non lontano dalla città portuale di Swansea. 

Auto per 77 milioni di euro

Il video vede come protagoniste 28 automobili che raccontano la storia del marchio fondato nel 1913 come concessionario d'auto a Londra e diventato nel mondo icona del lusso e della inglesità. Si va da una A3 dei primi anni del 1900 alla Dbr1 Racer degli anni '50, fino a modelli come la Vantage e la Rapide S. Interessante anche il contratto tra la piccolissima Cygnet, una versione (non troppo riuscita commercialmente a dir la verità) della Toyota Iq realizzata nel 2011 - chiamata nel video "un simpatico giocattolino" - e la super potente e lussuosa Vulcan. E non potevano mancare - siamo inglesi no? - le Db5 e le Db10 di uno dei sudditi di Sua Maestà più famosi, James Bond. Il tutto per un valore stimato di oltre 77 milioni di euro.

A tutta velocità 

Nel filmato tre piloti d'eccezione, i driver professionisti Darren Turner e Nicki Thimm, oltre a Matt Becker, capo ingegnere di Aston Martin, si divertono negli enormi hangar ancora vuoti della ex caserma della Raf tra sgommate, tracce di pneumatici sul pavimento e rumore di motori lanciati al massimo. Il tutto mentre gli uomini del servizio di guardia schiacciano un pisolino, ignari di tutto. Fino a che ai cancelli non si presenta - rigorosamente su una Aston Martin - il presidente e ceo dell'azienda, Andy Palmer. Simpatica lavata di capo per i tre guardiani - "Voi tre vi scordate l'auto aziendale", dice Palmer - mentre gli "intrusi" si allontanano. I custodi - che vengono lasciati a ripulire - non sono degli sconosciuti, ma tre gallesi doc molto noti al pubblico britannico: Ken Owens e Scott Williams, attualmente giocatori della nazionale di rugby e Scott Quinnell, ex campione dello stesso sport e oggi commentatore per la Bbc Wales.

750 posti di lavoro

Il nuovo impianto di St Athan sarà la "casa" del crossover Dbx, il primo sport utility vehicle marchiato Aston Martin di prossima produzione e dovrebbe iniziare ad operare a partire dal 2019. L'impianto darà lavoro ad almeno 750 persone. Il marchio fa sapere di aver ricevuto fino ad oggi oltre 3.000 richieste di assunzione.

Tag

Aston Martin  · Galles  · James Bond  · Regno Unito  · 

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

I nuovi 25 esemplari della DB4 GT Continuation verranno realizzati a Newport Pagnell, nella storica sede del costruttore britannico a nord di Londra

· di Colin Frisell

Il marchio britannico apre un centro a Tokyo e punta al ricco mercato del lusso nipponico. Investimento totale da oltre mezzo miliardo di euro

· di Carlo Cimini

La Casa di Gaydon ha ingaggiato Joerg Ross, ex Cavallino e Maserati. Sarà responsabile dello sviluppo dei motori, delle trasmissioni e dell'elettrificazione

· di Valerio Antonini

La Casa inglese svela i dettagli della supercar da 1.000 cavalli. Nata per la pista presto potrebbe essere omologata come stradale. Folle il prezzo

· di Colin Frisell

Il marchio britannico con la RapidE punta alle elettriche sportive. Prestazioni da fuoriserie, prezzo oltre i 260.000 euro. Nel 2019 la produzione in soli 155 esemplari

· di Redazione

Aston Martin inaugura la seconda fase di riqualificazione dell'area Mod St Athan: l'impianto realizzato nell'ex base militare della Royal Air Force porterà mille posti di lavoro

· di Enrico Artifoni

Il marchio inglese ha chiuso il primo trimestre 2017 in positivo. Non succedeva da 10 anni. Effettuate il 75% di consegne in più rispetto a un anno fa

· di Luca Gaietta

Il costruttore ha presentato un marchio inedito che identificherà le sue vetture più performanti, con soluzioni tecniche da pista e in tiratura limitata

· di Luca Bevagna

Andy Palmer, numero uno del marchio inglese tanto caro a James Bond, controllerà di persona le prime mille DB11 che saranno prodotte a Gaydon