Ultimo aggiornamento  20 settembre 2019 14:18

Moto ibrida: burla o realtà?

Antonio Vitillo ·

Esattamente il 3 aprile scorso l’ufficio stampa italiano di Bmw ha diramato un comunicato datato 1 aprile in cui si annunciava la prossima venuta sul mercato di un modello R 1200 Gs ibrido e a trazione integrale. Un’ipotesi di moto simile, per non dire identica, fu presentata come concept bike dal preparatore Wunderlich nel 2015. Una cosa dunque verosimile.

Solo un pesce?

Nel mondo, come in Italia, la nota stampa ufficiale era stata rilanciata, addirittura da importanti agenzie. Si stava parlando della prima moto di serie al mondo ad avere il motore ibrido e le ruote entrambe motrici. Per scoprire subito dopo, però, che quel comunicato era uno scherzo, un pesce d’aprile architettato ad arte direttamente da Bmw Motorrad. Strano, soprattutto per un’azienda seria come la Bmw. Non poteva essere solo una burla. Non sappiamo ancora quale fosse lo scopo di quel comunicato stampa ufficiale, magari di incuriosire, ma una notizia di una nuova moto fatta delle caratteristiche già viste su un prototipo firmato Wunderlich, e proprio su base Bmw R 1200 Gs, poteva essere concretamente una realtà. Non poteva essere solo una beffa. Abbiamo sentito il desiderio di approfondire, alcuni colleghi inglesi pure.

Cos'è Wipo

A questo punto dobbiamo parlare di Wipo. Intanto è l’acronimo di World Intellectual Property Organization, cioè Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale. Agenzia specializzata dell’Onu, si occupa di tutelare anche la proprietà industriale, ha sede a Ginevra e conta 189 paesi membri. Il 9 marzo scorso Wipo ha pubblicato una richiesta di brevetto presentata dalla Bayerische Motoren Werke Aktiengesellschaft (Società per Azioni Bmw), la cui data di registrazione è 28 giugno 2016 ed il cui titolo è “Motociclo con ruota anteriore azionata elettricamente”. Secondo i documenti di richiesta di brevetto, l’invenzione dovrebbe riguardare una moto avente la ruota anteriore azionata da un dispositivo elettrico indipendente, che associato ad un altro dispositivo esclusivo per la ruota posteriore dovrebbe dotare una moto di trazione integrale. Non sarebbe specificato se la trazione posteriore è ad opera di un motore endotermico, piuttosto è chiaro che quello elettrico è di sola pertinenza della ruota anteriore.

Due ruote da campioni

Non vogliamo dirvi che la nuova Bmw R 1200 Gs Hybrid xDrive presentata nel “comunicato beffa” sarà a breve disponibile sul mercato, né possiamo dire che mai lo sarà. Ma uno più uno fa sicuramente due. E se fossero non unità ma ruote motrici? Infine una curiosità che aggiunge colore alla vicenda: fra gli inventori citati nel brevetto c’è tal Gerhard Müller, ingegnere in Bmw e, senza dubbio, padre di un certo Thomas Müller attaccante del Bayern Monaco e della nazionale tedesca campione del mondo di calcio.

Tag

BMW  · R 1200 Gs ibrido  · Wipo  ·