Ultimo aggiornamento  18 novembre 2018 21:16

Regno Unito, la patente dal satellite.

Colin Frisell ·

Novità in arrivo per gli aspiranti guidatori britannici: a partire dal 4 dicembre di quest'anno, per conquistare la sospirata patente, dovranno dimostrare di essere in grado anche di seguire le indicazioni stradali di un navigatore satellitare.

Esame di vita reale

La novità è stata annunciata dalla Driving and Vehicle Standards Agency, l'agenzia governativa che si sta occupando di rivedere le norme sulla concessione della patente nel Regno Unito. Secondo i suoi funzionari è necessario che l'esame si svolga in scenari più simili "a quelli della vita reale": per la Dvsa, circa il 50% dei guidatori britannici utilizza dei navigatori, sia installati direttamente sull'auto che sullo smartphone. Per avere la patente sarà quindi necessario gestire la distrazione che inevitabilmente deriva dall'uso di questi sistemi. In ogni caso, fanno sapere dall'agenzia, ad un guidatore su cinque durante gli esami verrà chiesto di seguire le indicazioni stradali classiche, attraverso i cartelli e non quelle che arrivano dal navigatore. 

Prove anche di parcheggio 

Nel corso della prova pratica, sarà l'esaminatore a posizionare il navigatore e a stabilire la strada: al candidato resterà soltanto il compito di seguire le indicazioni. Parlando alla Bbc, il ministro dei trasporti Andrew Jones, ha commentato la novità: "Siamo nel 21esimo secolo e anche l'esame di guida deve aggiornarsi ai sistemi di comunicazione contemporanei". Tra le altre novità che potrebbero attendere i candidati da dicembre in poi anche delle nuove prove per dimostrare le capacità ad entrare e uscire dai parcheggi. 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Realizzato a Singapore il progetto di un professore milanese: mettendo le vetture senza pilota in grado di prevedere i comportamenti umani, le renderà più sicure