Ultimo aggiornamento  20 ottobre 2019 18:12

Fast & Furious 8, Diesel a tutta velocità.

Valerio Antonini ·

La saga di Fast & Furious è senza dubbio la più celebre della storia del cinema tra quelle dedicate alle corse illegali di auto e alle battaglie a colpi di acceleratore. Nell’ottavo episodio - uscito il 13 aprile nelle sale italiane, il primo senza l'attore Paul Walker (scomparso per un incidente stradale ai tempi delle riprese del settimo film) - il protagonista Dominic Toretto (l'attore Vin Diesel) torna a tenere il pubblico col fiato sospeso con inseguimenti mozzafiato tra le strade di New York, la costa cubana e le ghiacciate lande del mare di Barents, in Norvegia. Nel cast, fra gli altri, ritroviamo Dwayne Johnson, Jason Statham e Michelle Rodriguez, già presenti nei capitoli precedenti, e le novità Charlize Theron ed Helen Mirren, entrambe già vincitrici di un premio Oscar.

Hangar da sogno

In un video backstage, che svela i retroscena della produzione della pellicola, vengono presentate in anteprima gran parte delle supercar coinvolte nelle riprese. Un hangar di 1.000 metri quadrati raccoglie 80 auto di lusso tra le quali si possono notare una Lamborghini Murcielago, una Bugatti Veyron, un paio di Mercedes Amg Gt-S, una Subaru Wrx Sti e numerose muscle car americane e sportive europee come la Jaguar F-Type

Numeri da brivido

Nella pellicola di esordio del 2001 erano state utilizzate ben 1.500 auto, molte guidate da piloti professionisti. Per realizzare i film della saga sono state realizzati alcuni prototipi esclusivi, come la Dodge Daytona bordeaux, una Plymouth Barracuda con un motore di ben 7 litri del 1970 - entrambe guidate dal protagonista nel sesto episodio - e una Dodge Challenger del 2010 di cui vennero prodotti solo 500 esemplari. Tra le supercar più particolari che appaiono nella serie troviamo una Toyota Supra Turbo del 1995 da 544 cavalli, una Mazda VeilSide Rx-7 nero e arancio del ‘97 e una favolosa Chevrolet Camaro Yenko Syc blu cobalto del 1969 versione Le Mans, con un motore da 425 cavalli.

Prima volta senza Walker 

Il precedente capitolo della saga era terminato con alcune sequenze dedicate al compianto Paul Walker, scomparso nel 2013 a causa di un incidente stradale a bordo di una Porsche. Uno dei motivi che aveva spinto Rob Cohen, regista del primo Fast & Furious (2001), a scegliere l’attore californiano, a scapito di illustri colleghi candidati al ruolo come Christian Bale e Mark Wahlberg, era stata proprio la profonda passione che Walker aveva per le auto da corsa e la guida sportiva. In Fast & 2 Furious 2 del 2003, Walker era stato coinvolto personalmente nella scelta di tutte le auto del film e la vettura che guidava nelle prime scene, una Nissan Skyline Gt-R34 (capace di passare da 0 a 100 in 4,9 secondi) blu e argento del 1999, era in realtà di sua proprietà.

Tag

Cinema  · Fast & Furious  · Vin Diesel  · 

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

Un sito americano racconta i segreti della saga a quattro ruote che ha fatto impazzire gli appassionati. Lo ha lanciato Craig Lieberman, un tecnico esperto del set

· di Redazione

La berlina Talisman è partner della 73ma Mostra del Cinema di Venezia e auto ufficiale alla 42ma edizione del Festival del cinema americano di Deauville