Ultimo aggiornamento  17 febbraio 2020 10:05

Automotive Dealer Day, l'auto è digitale.

Redazione ·

Come evolve il processo di acquisto di un'auto nell'era del digitale? Cosa cambia negli strumenti adottati dagli acquirenti e le strategie dei concessionari? Se ne parla, partendo dai più recenti studi di settore come il "Gearshift 2016" realizzato da Google, nel corso dell'Automotive Dealer Day, quindicesima edizione dell’evento organizzato da Quintegia che si terrà a Verona al Centro Congressi dal 16 al 18 maggio. 

Un video e la scelta può cambiare

Gli studi sul fenomeno confermano come oggi la scelta di un'auto da acquistare si avvalga sempre di più di diversi canali di informazione. Nel 2016 il 39% degli acquirenti intervistati ha confermato di aver consultato più fonti, online ma non solo, prima di procedere all'acquisto di un'auto nuova, con un leggero aumento rispetto al 2015. L’81% impiega fino a 3 mesi per scegliere l’auto. Anche se poi il 24% pensa di sapere che vettura desidera ma poi ne compra un'altra: tra i fattori che contribuiscono a far cambiare idea all’acquirente, al primo posto i video online (il 78% degli utenti dichiara di averli visualizzati), soprattutto quelli (nel 55% dei casi) prodotti dalle stesse aziende automobilistiche.

Tre volte in concessionaria prima dell'acquisto

Il contatto con l'addetto alle vendite di una concessionaria, al di là dell'uso di metodi interattivi, rimane in vetta alla classifica delle preferenze degli acquirenti: il 58% degli intervistati sostiene di aver acquistato l’auto presso un concessionario che prima non conosceva. Di media sono quasi 3 le visite effettuate presso un punto vendita prima di scegliere il proprio veicolo, insieme, come minimo, ad un test drive. A conferma, nonostante lo sviluppo tecnologico, dell'importanza del contatto diretto col potenziale acquirente e della necessità che il personale di un concessionario sia qualificato e capace di instaurare un rapporto di fiducia col cliente per indirizzarlo nella scelta.

Tag

Automotive Dealer Day  · Verona  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Ricerca Accenture: web e negozi poco integrati. I consumatori vogliono configuratori di prodotto e realtà aumentata online, ma il consulente in concessionaria resta fondamentale