Ultimo aggiornamento  15 settembre 2019 23:04

McLaren BP23, già sold out.

Luca Gaietta ·

Segni particolari: filante e potente fin dal profilo della carrozzeria. Appare così, guardandola nel teaser diffuso nei giorni scorsi, la McLaren BP23. Ovvero la nuova hyper-gt delle marca inglese, per adesso ancora in fase di sviluppo, che il reparto “Special Operations” di Woking ha descritto come la vettura stradale più prestazionale mai concepita fino ad oggi.

Su misura e già sold out

Il nome in codice BP23 sta per “Bespoke Project” 23 (Progetto su misura 23) e indica che si tratta di un’auto destinata ad essere prodotta su ordinazione in soli 106 esemplari, andati già tutti a ruba nella fase di pre-vendita e i primi disponibili a partire dal 2019, realizzati uno per uno secondo le esigenze dei clienti: curandone dalla trama del carbonio impiegato per il telaio e la carrozzeria, al colore delle cuciture dei sedili e dei vari comandi sulla plancia.

Abitacolo da F1

Le poche caratteristiche tecniche annunciate per adesso da Mike Flewitt, chief executive officer di McLaren Automotive, rivelano un abitacolo in grado di ospitare 3 persone, con la posizione di guida centrale ispirata a quella della iconica McLaren F1, e una conformazione interna capace di garantire un elevato grado di comfort nonostante l’indole estrema della vettura.

Ibrida e aerodinamica

Riguardo alla meccanica, invece, la McLaren BP23 prevede l’impiego di un powertrain ibrido che sarà capace di fornire, a seconda del programma impostato sull’elettronica di bordo, delle prestazioni per così dire “normali” da gran turismo, oppure paragonabili a quelle di un bolide da pista: potendo contare questa vettura anche su delle soluzioni per un’aerodinamica da record tra cui le portiere diedrali motorizzate con l’apertura estesa fino al centro del tetto e il grande estrattore nella parte posteriore.

Tag

Ibrida  · McLaren  · Novità  · 

Ti potrebbe interessare

· di Andrea Cauli

Non c'è crisi per le supercar. Lo dimostra il marchio inglese che nel 2016 registra una crescita record. Ed è già tempo di pensare al futuro