Ultimo aggiornamento  14 dicembre 2019 19:46

Trieste: colazione da ciclista.

Redazione ·

Alla Fiab di Trieste hanno pensato di scegliere il 25 marzo, lo stesso sabato in cui il Wwf celebra la giornata della Terra contro i cambiamenti climatici, per lanciare il Bike breakfast: tutti i cittadini che usano la bici per i loro ordinari spostamenti, come far la spesa, andare a lavoro e svolgere le commissioni tipiche del fine settimana sono invitati intorno a un tavolo per fare colazione insieme ad altri ciclisti "urbani".

Fiab e Wwf: salviamo il pianeta

L'appuntamento è in piazza Cavana, nel cuore della città vecchia, mentre l'idea di condividere un caffè e un dolcetto equo solidali, tra un a pedalata e l'altra, nasce dalla volontà di "ringraziare chi decide di muoversi in bici lasciando a casa la macchina", spiega l'associazione triestina dei ciclisti, "e di premiare chi sceglie uno stile di vita più leggero e più amico del pianeta".  

Nella stessa giornata, oltre alla colazione, Fiab Trieste Ulisse insieme a Senza confini Brez Meja, associazione che promuove il commercio equo solidale, hanno organizzato altri eventi per incentivare l'uso della bicicletta come sistema di mobilità sostenibile, sia per turismo che in ambito urbano, a impatto zero per l'uomo e per l'ambiente.

Tag

Ciclisti  · Mobilità sostenibile  · Trieste  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il costruttore partecipa con una sua squadra all'importante competizione velica in programma domenica a Trieste. In mostra anche l'ultima nata, la Range Rover Velar

· di Marina Fanara

Il comune giuliano prepara il piano della mobilità: parcheggi in periferia, mezzi pubblici per il centro e più integrazione tra traffico che arriva dal mare e spostamenti in città

· di Marina Fanara

Disegno di legge per modificare l'articolo 148 del Codice della strada: un'auto può sorpassare un ciclista lasciando uno spazio di almeno un metro e mezzo

· di Colin Frisell

Lo dice una ricerca inglese condotta su 11.000 volontari. Chi usa la bicicletta per spostarsi regolarmente è quattro chili più magro di chi va in auto