Ultimo aggiornamento  15 dicembre 2019 00:22

Jaguar, la più amata dai millennial.

Alessandro Marchetti Tricamo ·

I risultati delle ricerche spesso sorprendono. E' il caso di quella pubblicata da L'Economia del Corriere della Sera di lunedì 20 marzo. Si parla delle aziende preferite in Italia dai millennial, i giovani nati dai primi anni ottanta all'inizio di quelli duemila. Lo studio è stato realizzato dall'azienda americana Great Place to Work. Cosa è uscito fuori?

Che dopo il primo posto di American Express, tra le aziende preferite dove lavorare c'è Jaguar - Land Rover Italia. Con tutto il rispetto per il gruppo inglese di grande tradizione, storia, stile e oggi dai risultati che fanno spesso brindare quel Ratan Tata che ne deteniene la proprietà, la classifica stupisce non poco. Gli inglesi non hanno mai fatto della connettività o dell'essere smart una delle loro caratteristiche principali. Così come ancora sono stati un passo indietro sulla guida autonoma e arriveranno solo nei prossimi anni nell'elettrificazione della gamma. Innovazione meccanica tanta, digitale meno.

Eppure piacciono ai giovani più di una Tesla (che non c'è però in Italia) oppure, per rimanere in un grande classico, una Ferrari. Il panel preso dalla ricerca è, come scrive l'Economia del Corriere della Sera, di cento organizzazioni di dimensioni superiori a 50 dipendenti. Sono due allora le cose: o la scelta delle aziende non è stata ineccepibile oppure il grande heritage e forse soprattutto la solidità economica e il valore globale di marchi come Jaguar e Land Rover conta ancora molto. Se fosse vero il secondo caso, ho l'impressione che la vecchia idea del posto fisso e del fascino dell'auto, valga anche per i millennial. Altro che start-up. 

Tag

Jaguar  · Jaguar Land Rover  · Millennial  · 
In folle
il blog di Alessandro Marchetti Tricamo
Direttore de l'Automobile

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Grazie a un accordo siglato con EDF Energy, il gruppo inglese utilizzerà per la produzione solo elettricità proveniente da processi non inquinanti